developed and seo specialist Franco Danese

La crociera secondo il Cantiere del Pardo: in arrivo il nuovo Grand Soleil 42 LC

Quarant’anni fa, questo signore si inventò una nuova attività: costruire sull’acqua la terra
6 giugno 2019
C’è plastica in uno degli arcipelaghi più belli del mondo? Lo scopriremo presto!
7 giugno 2019

Dopo il ritorno nel mondo delle sportive con il Grand Soleil 48 (Leggi QUI), e l’esordio nel mondo dei maci con il GS 80 (Leggi QUI), per il Cantiere del Pardo è tempo di ritornare su misure più piccole e soprattutto tornare a ripercorrere una strada che ha avuto nelle ultime stagioni un grande successo, quella della linea LC, Long Cruise. Il Cantiere italiano con questa gamma ha infatti interpretato in chiave originale il mondo della crociera a lungo raggio, realizzando barche molto comode e confortevoli ma affidando al progetto a un designer specializzato in barche veloci come Marco Lostuzzi. Ne è venuto fuori un mix decisamente riuscito, dove il buon navigare a vela si sposa bene con i volumi di una barca da vivere. E per questo motivo il ritorno sulla gamma LC con un nuovo modello, questa volta il più piccolo di quelli fino ad esso prodotti, era molto attesa.

Il Grand Soleil 42 Long Cruise è l’ultimo modello nato della gamma Blue Water dedicata alla crociera a lungo raggio del Cantiere del Pardo. Comfort, grandi spazi a bordo, autonomia nella navigazione sono le caratteristiche che contraddistinguono questo nuovo scafo di dodici metri, disegnato da Marco Lostuzzi in collaborazione con Nauta Design e con l’ufficio tecnico del Cantiere del Pardo. Come il fratello maggiore 52 LC, anche il 42 LC sarà disponibile in due versioni, una con il classico rollbar per avere la coperta il più possibile libera e vivibile e una versione più sportiva senza rollbar e senza panche di poppa. 

Lo scafo del GS 42 LC garantisce da una parte una stabilità di forma elevata grazie a volumi generosi, e dall’altra alti livelli di performance garantite da un piano velico ben proporzionato.
Come i fratelli maggiori della gamma Long Cruise, anche il 42 LC è pensato per offrire ilmassimo comfort e una lussuosa vita a bordoTutte le manovre sono rinviate sottocoperta alla postazione del timoniere, caratterizzata nella versione standard da due panche al cui interno si crea un naturale spazio per lo stivaggio. I due winch per parte (elettrici come optional) posizionati vicino alle due ruote del timone permettono di facilitare e rendere piacevoli le lunghe navigazioni, anche con equipaggio ridotto. Le manovre sono inoltre semplificate dalla randa avvolgibile nell’albero e dal fiocco autovirante con rotaia recessata.
Il rollbar in carbonio libera l’ampio pozzetto da ingombri, lasciando spazio a zone di completo relax, e funge anche da supporto per il bimini e per lo sprayhood.
Il design della coperta è poi caratterizzato da oblò a filo, da una delfiniera in carbonio per armare gennaker o Code 0 e dove trova spazio anche il supporto integrato per l’ancora, da un avvolgifiocco recessato sottocoperta e dalla plancetta di poppa apribile. Da non dimenticare gli ampi passavanti che permettono un’agile circolazione a bordo da poppa verso prua, dove trova spazio un’ulteriore area relax con un prendisole posizionato tra l’albero e la fine della tuga.

LA VERSIONE SPORT

Come il fratello maggiore di 52 piedi, il GS 42 LC è disponibile anche in una versione sport senza rollbar e senza le panche per il timoniere. Questo layout prevede alcune varianti nell’armo e nell’allestimento della barca: il punto di scotta della randa è fisso in pozzetto, sono previste delle rotaie per armare una genoa al 106%, l’albero è maggiorato con sartiame in tondino (invece che in spiroidale come nella versione standard) e il paterazzo è idraulico.

GLI INTERNI

Per quanto riguarda il layout degli interni, saranno disponibili due versioni, una a due e una a tre cabine (entrambe le configurazioni prevedono due bagni con box doccia) per soddisfare il più possibile le esigenze degli armatori. Il salone prevede sulla destra un divano a tre sedute di cui quella centrale può diventare un tavolo da carteggio. Lacucina a L è equipaggiata con un capiente frigorifero e un secondo opzionale e ampi spazi per lo stivaggio.

Lunghezza scafo: 12,95 m
Baglio massimo: 4,18 m
Pescaggio: 2,25 m (1,80 m opt)
Dislocamento: 9.500 kg
Serbatoio gasolio: 230 lt
Serbatoio acqua: 340 lt
Motore: 50 cv (60/75 cv)
Design int/est: Nauta Design
Architettura navale: Marco Lostuzzi
Costruttore: Cantiere del Pardo

www.grandsoleil.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.