developed and seo specialist Franco Danese

E’ partita la Solitaire du Figaro e Alberto Bona sfida i “big” della vela oceanica!

Il giro d’Italia a vela con una barca di 130 anni (e uno skipper di 70)
3 giugno 2019
È morto “Il Papa”: buon vento per il tuo ultimo bordo Mr. Lowell North
4 giugno 2019

Partiti! E’ iniziata la difficilissima regata in solitario a tappe Solitaire du Figaro, con un unico oceanico italiano sulla linea di partenza a Nantes (destinazione della prima tappa Kinsale, Irlanda), il 33enne torinese Alberto Bona, tante miglia alle spalle e tanta voglia di confrontarsi con il gotha della vela oceanica mondiale. Facciamo tutti il tifo per lui!

E’ a bordo del Figaro 3 (dotato di foils, noi l’avevamo provato) Sebago, 10,85 x 3,40 m di barca, pesante soltanto 2.900 kg. Al momento in cui scriviamo Bona è in decima posizione, poco dietro ad Armel Le Cleac’h, vincitore dell’ultima Vendée Globe e davanti a gente del calibro di Yanne Elies, Jérémie Beyou, Alain Gautier e Loick Peyron! 

QUI IL TRACKING DELLA REGATA

Nelle righe che seguono vi spieghiamo perché questo 2019 del Figaro 3 è assolutamente da non perdere.

LA SOLITAIRE DU FIGARO

La prima si disputò nel 1970 e allora non aveva ancora il nome Figaro, il quotidiano francese divenne il principale sponsor della regata nel 1980. Stiamo parlando della mitica Solitaire du Figaro, la regata in solitario, a tappe, che quest’anno si correrà per la prima volta sui nuovi monotipi foil della Beneteau, i Figaro 3. Siamo all’inizio di una nuova era, come lo era stata nel 1991 la prima edizione in monotipo, il Figaro1 disegnato da Finot/Conq, e come lo fu nel 2003 il passaggio al Figaro 2 progettato da Marc Lombard.

L’edizione 2019 conta 47 iscritti, il gotha della vela transalpina ha deciso di esserci. Il programma quest’anno prevede una prima tappa, con partenza il 2 giugno, da Nantes in Francia fino a Kinsale, Irlanda, via Fastnet, per un totale di 550 miglia.

La seconda tappa sarà anche la più lunga: partenza il 9 giugno da Kinsale, destinazione Roscoff, nord Francia, ma non prima di doppiare l’isola di Man nel nord dell’Inghilterra, e il Wolf Rock in Cornovaglia, per un totale di 615 miglia. La terza tappa, partenza il 16 giugno, da Roscoff a Roscoff con un percorso strategicamente complesso tutto dentro il Canale della Manica, per 450 miglia totali. L’ultima tappa, che partirà il 22 giugno, sarà da Roscoff a Dieppe, con tre passaggi obbligati di cui uno ancora via Wolf Rock in Cornovaglia e due dentro il Canale della Manica, per 500 miglia. La vittoria si assegna come al Giro d’Italia in bici, la somma dei tempi di tutte le tappe: una sfida quindi difficilissima, dove conterà la capacità di resistenza durante i poco più di 20 giorni di regata e le 2.115 miglia da coprire.

ALBERTO BONA ALLA SOLITAIRE – IL VIDEO

CHI CI SARA’

Alberto Bona

Classe 1986 da Torino, laureato in Filosofia, ha alle spalle due Mini Transat, una conclusa al quinto posto e un ritiro nella seconda. Ha corso anche in Class 40.

Armel le cleac’h

Classe 1977, nato a Saint-Pol-de-Léon, ha vinto l’ultimo Vendée Globe (giro del mondo senza scalo e assistenza), e lo ha terminato secondo nel 2008 e nel 2012. Ha vinto due volte la Solitaire du Figaro.

Charles Caudrelier

Classe 1974, parigino, ha vinto due volte la Volvo Ocean Race (giro del mondo a tappe in equipaggio), una come skipper, e conquistato la Solitaire du Figaro nel 2004. Ha vinto anche due Transat Jacques Vabre.

Clarisse Cremer

Stellina nascente della vela francese, bretone da Auray, 29 anni, ha chiuso seconda la sua prima Mini Transat, suo esordio nella vela oceanica. Banque Populaire la vuole per il prossimo Vendée Globe.

.

Jérémie Beyou

Classe 1976 dal Finistère, ha vinto tre Solitaire du Figaro e terminato al terzo posto un Vendée Globe, ritirandosi da due altre partecipazioni. Veterano della vela oceanica francese, punta a un altro Vendée.

Justine Mettreaux

Svizzera, classe 1986, due Volvo Ocean Race alle spalle di cui una vinta con Dongfeng. Ha chiuso al secondo posto una Mini Transat, settima alla sua prima Solitaire.

Loïck Peyron

Classe 1959 da Nantes, una leggenda in Francia. Numerose vittorie in varie transatlantiche in doppio o in solitario, secondo a un Vendée Globe, ha stabilito numerosi record in Oceano.

Michel Desjoyeaux

Classe 1965 da Concarneau, l’unico velista ad avere vinto due Vendée Globe, ma nel suo palmares ci sono anche tre Solitaire du Figaro, la Route du Rhum e la Jacques Vabre.

Yann Elies

Clsasse 1974, Bretone, ha vinto tre volte la Solitaire du Figaro, due volte il Trophée Jules Verne (record di circumnavigazione del globo in equipaggio), e numerose transatlantiche.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI REGATE & SPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi