Ubi Maior, dalla campagna fiorentina alla corte di Sir Alex Thomson!

thomson boss
Un altro bel colpo per i ragazzi di Ubi Maior Italia
: l’azienda di Molino del Piano (Firenze), specializzata nell’attrezzatura di coperta, dopo aver attrezzato Emirates Team New Zealand vincitrice dell’ultima edizione di Coppa America, si lancia nel mondo della vela oceanica che conta.

E’ infatti diventata “preferred supplier” del team Alex Thomson Racing per il periodo 2019-21. In qualità di fornitore di attrezzatura di coperta per il nuovo IMOCA 60 con i foil Hugo Boss, l’ufficio tecnico Ubi Maior svilupperà una serie di prodotti custom con la collaborazione del team di Thomson, celebre solitario gallese famoso, non solo per i suoi risultati di prestigio nelle varie prove oceaniche (secondo all’ultimo Vendée Globe, nonché uomo più veloce del mondo in monoscafo sulle 24 ore) ma anche per le sue “camminate” su chiglie e alberi con la barca in navigazione.

Ubi Maior Italia, nata nel 2010 come ramo della Dini Srl, storica azienda specializzata in meccanica di precisione, continua il suo lavoro fatto di ricerca e ottimizzazione ed è presente a bordo delle barche più performanti con i suoi prodotti: tra i clienti in mare Mylius, TP52, Wally, solo per citarne alcuni.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI E PRATICA

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

mano di terzaroli

VIDEO – Ridurre le vele con vento forte

Ridurre le vele con vento forte, in particolare  prendere o dare le mani di terzaroli,  il tema del decimo  video-episodio di Scuola di VELA, in cui scopriamo come effettuare una manovra perfetta su una barca da crociera. Ridurre le vele con

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Torna su