Quel mitico impermeabile giallo che va di moda da 70 anni

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Helly Juell Hansen passa la sua vita in mare fin dalla più tenera età. Nel 1877
, all’età di 35 anni, insieme alla moglie Maren Margarethe inizia a produrre giacche, pantaloni, pantaloni e teloni di lino grezzo imbevuto di olio di lino. Nei primi cinque anni i due vendono circa 10.000 pezzi. Nel 1878 l’azienda ottiene il diploma di eccellenza all’Expo di Parigi e inizia ad esportare i suoi prodotti.

Dopo la morte di Helly Juell Hansen nel 1914, la direzione dell’azienda passa al figlio Helly Hansen, un esperto commerciante. Negli anni Venti viene sviluppato un nuovo tessuto, che Helly Hansen chiama Linox.

LA SVOLTA HELOX
Un cambiamento cruciale per il marchio avviene nel 1949, quando viene sviluppato Helox: una vera e propria rivoluzione nell’abbigliamento che protegge dalle intemperie e nella moda. Il Piano Marshall e gli investimenti in nuovi impianti di produzione permettono infatti al brand norvegese di iniziare la produzione di tessuti plastici in PVC traslucido, destinati a cappotti, mantelli e poncho per uomo e donna, con il marchio Helox.

L’abbigliamento antipioggia è pieghevole e inserito in piccole borse, facili da portare con sé e utilizzabile all’occorrenza quando iniziava a piovere. E’ un successone, sia nel mondo di chi lavora sul mare che in quello della moda.

La produzione tocca vette altissime, si parla di circa 30.000 capi al mese.

I primi impermeabili sono trasparenti, di colore grigio per gli uomini e bianco latte per le donne. In questo modo gli abiti eleganti sono visibili attraverso i rainwear e si può mostrare il proprio stile con qualsiasi tempo. Presto vengono realizzati in diversi colori, con la plastica più simile a quella di un tessuto.

Cuciture, asole e bottoni appositamente progettati con texture, così come cuciture finte, vengono saldati nella lamina. In questo modo la moda dell’abbigliamento antipioggia passa da un look “plastico” a un’espressione più “fashion”.

Le collezioni si ispirano all’haute couture parigina e vengono proposte e pubblicizzate su riviste, opuscoli commerciali, giornali e poster cinematografici. La storia di Helox è tuttora in mostra all’Østfold Museum di Moss.

Jeloey Jacket

PIU’ TECNOLOGICI, MA DAL LOOK QUASI INVARIATO
Gli impermeabili Helly Hansen sono un grande classico e dal 1949 Helox ha continuato a evolversi e non ha mai smesso di andare di moda: in particolare, da qualche anno è nato Helox+ che utilizza materiale privo di PVC e con una serie di fori opportunamente posizionati nel retro per permettere maggiore traspirabilità.

Kirkwall

Ha un look simile a quello che Helly Hansen ha utilizzato tra la fine dell’800 e la fine degli anni ’80, che già allora permetteva un isolamento totale dalle intemperie insieme a un’eccellente elasticità per la massima libertà di movimento.

La nuova Jeloey Jacket (classica giacca impermeabile da donna, realizzata in PU con una lunghezza a 3/4) e la Kirkwall (versione moderna e rinnovata del classico impermeabile Fisherman) da donna ricordano i primi modelli femminili di Helly Hansen del 1900.

www.hellyhansen.com

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Tre consigli per cambiare le vele alla tua barca

Le vele sono un po’ come il motore dell’auto, e quindi cambiarle può – a volte – fare veramente una grande differenza nelle prestazioni della barca. Tanto in crociera quanto, ovviamente, in regata. Le vele moderne possono beneficiare di materiali

Torna su

Registrati



Accedi