developed and seo specialist Franco Danese

Il ritorno di un’icona: Nautor’s fa rinascere il mito Swan 48

NAVIGARE SICURI – Come scegliere il giubbotto autogonfiabile giusto
23 maggio 2019
Sun Fast 3300: la sportiva Jeanneau che fa sognare gli amanti dell’altura. FOTO
24 maggio 2019

Correva l’anno 1971 e l’iconico studio di progettazione americano Sparkman&Stephens disegnava una barca destinata a diventare un mito: lo Swan 48. Prua slanciata, linee di poppa molto alte sull’acqua che entravano in azione a barca sbandata per aumentare la lunghezza al galleggiamento altrimenti ridotta per andare bene a vela nel vento leggero, un disegno della tuga che fece scuola, quasi flush deck.

Lo Swan 48 di Sparkman & Stephens

Per i tempi fu una barca rivoluzionaria, che dominò alcune delle regate più importanti al mondo pur essendo una barca per la crociera. Swan produsse un 48 anche a firma Frers a metà anni ’90, e anche questo ebbe un enorme successo sulle orme del predecessore. Oggi la Nautor ha deciso di tornare a produrre una barca con questa sigla: il mito Swan 48 sta infatti per tornare, e sarà a firma German Frers.

“Come ogni disegno che esce dal nostro studio, il nuovo Swan 48 è stato
progettato con cuore e passione, ma piuttosto che agire solo sul flash di un momento di
ispirazione, questo nuovo Swan è il risultato di un ragionamento razionale, basato sul mercato e l’esperienza del costruttore, degli agenti e dei progettisti che lavorano in Nautor che hanno dato tutti un contributo”, racconta Frers.

Sarà una barca da crociera oceanica, dove il comfort della navigazione avrà un aspetto centrale ma la barca avrà un’anima versatile grazie anche alle tre configurazioni della chiglia, standard, a basso pescaggio o performance profonda. Una delle caratteristiche estetiche evidenti è il para mare che dalla tuga prosegue fino a poppa proteggendo completamente il pozzetto oltre a fornire un appoggio ergonomico alle sedute esterne.

La carena è stata concepita per fornire un elevato momento di raddrizzamento dato in combinazione dalla zavorra della chiglia e dalle forme dello scafo. Questo porta insospettabili vantaggi durante la navigazione: lo scafo è ottimizzato per offrire le sue prestazioni massime con uno sbandamento a 20 gradi, lasciando la barca confortevole e completamente vivibile a
mare in qualsiasi condizione. La configurazione a doppio timone migliora l’equilibrio della barca, prevenire la tendenza all’orza e quindi restituisce piena sensibilità e piacere di conduzione mentre si guida ad angoli di sbandamento elevati.

Il piano di coperta è concepito per coniugare la comodità e la vivibilità esterne senza però penalizzare l’attrezzatura e il corretto navigare a vela: si nota per esempio il carrello del fiocco sulla tuga, in una posizione che garantirà importanti performance in bolina grazie all’angolo di lavoro chiuso della vela, e al tempo stesso lascerà completamente sgombro il passaggio laterale verso prua.

Gli interni prevedono un layout a tre cabine che comprende l’armatoriale a prua con un bagno privato, una cabina VIP a dritta e una cabina ospiti a sinistra, entrambe a poppa.
I due bagni sono una dichiarazione di comfort e spazio, entrambi con doccia completamente separata. Situato al centro della barca, il salone principale è molto aperto, con un divano a C.

Lungh. fuori tutto 14.78 m

Lungh. gall 13.88 m

Largh. max 4.59 m

Immersione std. 2.40 m

Dislocamento 15.000 kg

Zavorra, chiglia std 5.200 kg

Engine Volvo D2-75 Saildrive 55 kW 75 Hp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi