developed and seo specialist Franco Danese

Sapete dove va a finire la nostra plastica?

Coppa America: i Muli volano! Tutti i segreti dietro il “volo” degli americani
10 maggio 2019
Wevo 650: la “Mini” realtà italiana che sfida i francesi. FOTO
12 maggio 2019


C’è un bell’articolo, pubblicato dai nostri amici di Natura, che spiega in modo breve e conciso in quali paesi va a finire la nostra plastica.

Gli effetti del blocco cinese all’importazione di rifiuti in plastica si ripercuotono in Europa. A un anno dallo stop di Pechino all’import di plastica italiana, i rifiuti hanno cominciato a disegnare nuove rotte.

Vietnam, Malesia e Turchia le nuove destinazioni

Fino allo scorso anno, il 42% dei rifiuti in plastica italiani era diretto in Cina. «Ma nel 2018, rispetto al 2016, la Cina ha ridotto dell’83,5% il volume di rifiuti italiani importati, accogliendo di fatto solo 2,8% dei nostri scarti plastici» spiega Greenpeace, che ha redatto un report sulle nuove rotte della plastica. Da qui la necessità di trovare nuove destinazioni per i rifiuti made in Italy. Secondo le stime di Greenpeace, lo scorso anno in Malesia le importazioni sono aumentate del 195,4% rispetto al 2017.
Anche la Turchia è diventata una delle mete favorite: rispetto all’anno precedente, nel 2018 l’import di rifiuti di plastica è cresciuto del +191,5%. Anche Vietnam e Tailandia hanno fatto registrare un aumento rispettivamente del 153% e del 770%.

I rischi derivanti dai rifiuti

Il timore più che fondato è che, una volta giunti in questi Stati, i rifiuti di plastica non vengano trattati correttamente. Un rischio analogo è presente anche nei paesi dell’Europa dell’Est, dove è diretta parte della plastica italiana. «Molti italiani che esportavano rifiuti plastici in modo non corretto verso la Cina, ora hanno aperto impianti in Slovenia e da qui, poi, esportano nel resto del mondo» ha spiegato a Greenpeace Claudia Salvestrini, direttrice di Polieco, consorzio nazionale per il riciclaggio dei rifiuti dei beni a base di polietilene.

Italia undicesimo esportatore al mondo

Il rapporto di Greenpeace indica che l’Italia è l’undicesimo esportatore globale di plastica. «Solamente nel 2018 ne abbiamo spediti all’estero 197mila tonnellate, per un giro d’affari di 58,9 milioni di Euro. Per avere un’idea chiara del nostro export, si tratta di un peso pari a 445 Boeing 747 a pieno carico, passeggeri compresi» conclude Greenpeace.
Alla luce di questi numeri – e in previsione dell’aumento della produzione di plastica – appare ormai chiaro che confidare solo nel riciclo non è più sufficiente, ma occorre ridurre alla fonte la produzione e il consumo di plastica.

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com. www.medplastic.org

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi