Sarà un “monocat” e si chiamerà Sun Loft: ecco la nuova idea di Jeanneau

Spazio, è una delle parole d’ordine del mondo delle barche da crociera che oggi si trovano a interpretare una crescente fascia di pubblico che vuole vivere la barca per molti mesi l’anno, diventando a tutti gli effetti la seconda, se non prima, casa. I volumi diventano allora fondamentali, e chi se non il mondo dei multiscafi da crociera risponde meglio a queste esigenze? E’ proprio partendo dall’idea di spazi che c’è dietro il mondo dei catamarani che Jeanneau ha deciso di “contaminare” il design dei monoscafi da crociera con il concetto di barca del mondo a due scafi. Ne viene fuori un “monomarano“, o meglio il nuovo Monocat, il progetto che verrà chiamato Sun Loft con cui Jeanneau intende presentare un’interessante novità sul mercato.

L’idea è quella infatti di portare su un solo scafo il livello di comfort e spazio di un catamarano cruiser, quindi una barca dalla larghezza molto pronunciata, capace di ospitare 4 cabine su misure di poco superiori ai 12 metri, con una tuga che ricorda in parte la cellula abitativa dei catamarani e le manovre rinviate su un fly bridge.

CI PENSA BRIAND

La firma sul Monocat di Jeanneau, la cui anteprima più ricca verrà presentata il 25 aprile, sarà dell’ “archistar” Philippe Briand, che ha già firmato tanti modelli di successo del cantiere, recenti e passati, contribuendo proprio nelle ultime stagioni con alcune innovazioni di design a caratterizzare in senso moderno le ultime nate della casa Vendeano. Ci riferiamo per esempio all’innovativo passaggio in discesa dal pozzetto al ponte vista sui nuovi Sun Odyssey, che consente di non dover fare alcun salto tra i due livelli, una soluzione che potrebbe essere ripresa anche sul nuovo “Monocat” per dare una continuità stilistica con gli altri modelli della gamma.

Una barca pensata per le famiglie, per chi ama trascorrere molti giorni all’anno in mare e ovviamente anche ideata per il mercato del charter. Non a caso una società come Dream Yacht Charter, leader mondiale nel mondo del noleggio, ha già prenotato 35 barche del nuovo Sun Loft .

IL PASSATO E IL PRESENTE

Atoll 43, il precedente di un Monocat, prodotto da Dufour

In passato ci aveva già provato un altro colosso francese, ci riferiamo all’Atoll 43 di Dufour, ideato dal mitico industriale nautico Olivier Poncin nel 1998. Una barca che aveva la tuga di un catamarano con una Larghezza decisamente XXL. Ai tempi venne prodotto in 40 unità.

Sul mercato oggi uno dei cantieri le cui barche si avvicinano di più a questo concetto è senza dubbio Moody, le cui tughe deck saloon ricordano già molto quelle dei catamarani, così come le volumetrie interne.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE & CANTIERI

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

RemigoOne, il primo 1kW fuoribordo elettrico completamente integrato al mondo.

Patente nautica e motori elettrici. Facciamo chiarezza

Con l’avvento dei motori elettrici, la cui potenza commerciale è espressa in watt (il cui multiplo è il kW ovvero 1000 W) anziché cavalli vapore, potrebbe sorgerci il dubbio se, e oltre che potenza, la patente nautica sia necessaria. Abituati

Torna su