developed and seo specialist Franco Danese

A Genova brilla il sorriso d’argento di due ragazze triestine

Dieci accessori che ci hanno cambiato la vita
20 aprile 2019
Quest’estate, in crociera, occhio ai medicane!
21 aprile 2019

Matilda Distefano e Carlotta Omari

In due arrivano a 44 anni, 23 Carlotta Omari (timoniera) e 21 Matilda Distefano (prodiera), e quando le abbiamo incontrate ai box della base 49er alla Hempel World Cup di Genova erano quasi intimidite dall’essere avvicinate e fotografate da dei giornalisti. Regatano in una classe dove ci sono alcune super star della vela mondiale, nella quale l’Italia è ancora a caccia della qualificazione per Tokyo 2020. Qualche nome? Ne basta uno: Martine Grael, figlia di Torben, già oro olimpico a Rio de Janeiro e una Volvo Ocean Race nella sua scia. La Grael ha chiuso la sua settimana staccata di 16 punti dalle nostre ragazze. E’ chiaro, è solo un risultato, esaltarlo oltre modo è solo un danno per le ragazze, ma vanno fatti loro i complimenti perché sono emerse in una settimana durante la quale alcuni dei grandi campioni hanno steccato notevolmente. Si sono presentate in testa alla classifica a una regata dalla fine, quando in pochi avrebbe scommesso su di loro, nonostante già a Palma di Maiorca al Trofeo Princesa Sofia si fossero visti progressi importanti.

L’ULTIMA REGATA

“Siamo piuttosto emozionate di essere qui per la prima volta – dichiarano a terra Omari/Distefano – non ce lo aspettavamo nemmeno noi, però domani scendiamo in acqua per difendere il primo posto, anche se sappiamo che sarà difficile. Queste sono condizioni simili a quelle del golfo di Trieste a cui siamo abituate, anzi, oggi con 8 nodi eravamo oltre la media di 5 nodi instabili con cui ci alleniamo di solito, noi eravamo veloci e meglio di così non poteva andare. Già a Palma la regata era andata bene, e adesso abbiamo la conferma che con aria leggera possiamo fare bene”, avevano dichiarato alla vigilia della medal race. Oggi a Genova il vento è restato capriccioso e la medal race era difficile per le “Mule” triestine che dovevano guardarsi da tanti equipaggi che le attaccavano, hanno chiuso la regata settime perdendo un posto in classifica, e pazienza se alla fine l’oro è andato alle olandesi Van Aanholt/Jongens, questo è un argento che vale molto, vale per il futuro. Il bronzo è andato alle americane Roble/Shea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi