developed and seo specialist Franco Danese

Aereo in difficoltà scarica sul Mar Ligure 80 tonnellate di cherosene!

L’unica e inimitabile vela olimpica è sbarcata a Genova con 717 velisti. FOTO e VIDEO
15 aprile 2019
Caprerini di tutta Italia unitevi e fate rotta al VELAFestival!
16 aprile 2019


Procedura di sicurezza per gli uomini, disastro per l’ambiente. Ottanta tonnellate di cherosene sono state scaricate sul Mar Ligure, al centro di Pelagos, il Santuario dei Cetacei (circa 70 miglia al largo di Genova), da un aereo in difficoltà.

Fonte immagine: aeroportilombardi.it

COSA E’ SUCCESSO
Lo riporta Genova24.it: “Ieri sera, il volo Az786 di Alitalia, dal capoluogo lombardo sarebbe dovuto volare fino a Tokio. L’aereo, un Airbus A330 partito da Malpensa alle 19,30 circa, pochi minuti dopo il decollo, quando si trovava sopra il Trentino, ha riscontrato dei problemi tecnici che lo hanno costretto a fare dietro front. Ma prima di scendere su Milano, dopo un ampio giro, l’equipaggio ha optato per il Fuel Dumping, una procedure di sicurezza che prevede lo svuotamento dei serbatoi prima di un eventuale atterraggio di emergenza. E così, il carico di carburante per il volo intercontinentale appena iniziato è finito nel Mar Ligure, al centro di Pelagos, il Santuario dei Cetacei, cioè nel mezzo del Mar Ligure. 80 tonnellate di combustibile sparse in mare, a circa 70 km a largo di Genova”.

Un grande disastro ambientale (il carburante vaporizza in laga parte prima di toccare l’acqua, ma resta comunque in circolo nell’aria) di cui si sentirà parlare poco. Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, reputa a rischio l’area interessata e chiede che “le istituzioni responsabili intervengano sulla compagnia area al fine di obbligarla ad effettuare una minuziosa opera di controllo e bonifica”.

Aggiornamento: la Guardia Costiera sta provvedendo a un controllo sulla zona.

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. E venite a trovarci al TAG Heuer VELAFestival di Santa Margherita (2-5 maggio) allo Stand Medplastic! In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com. www.medplastic.org

4 Comments

  1. Marco ha detto:

    Il carburante vaporizza ancor prima di raggiungere il mare, non c’è nessun pericolo di inquinamento.

    • hdhc djdjejjeuter ha detto:

      e allora perché l’aereo è andato sul mar ligure, decisamente fuori rotta, anziché rimanere sopra le alpi o la pianura?

  2. Namesurname ha detto:

    Credo che ott’anta tonnellate siano pari a 80.000,00(ottantamila) litri di combustibile. Un po’ troppo come peso. Ma errare è umano. Poi ogni tanto qualcuno si accorge di ciò che accade quotidianamente e è anche peggio, e lo evidenzia. Poi passato qualche giorno….nulla più. Passato il santo passata la festa.

    • Paolo ha detto:

      97000 litri è il “pieno” del 330…quindi 80 T è plausibile, magari non le avrà riversate proprio tutte in mare, ma come ordine di grandezza ci siamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi