developed and seo specialist Franco Danese

Roma per Tutti: Endlessgame primo al traguardo dopo una bolina durissima

INTERVISTA Parla Piero Napolitano, il direttore commerciale Jeanneau per l’Italia
9 aprile 2019
Tutti alla VELA Cup: Miceli con la sua eco-barca e Pelaschier su Rrose Selavy
9 aprile 2019

Il Cookson 50 Endlessgame di Pietro Moschini. Foto Lorenzo Fortunati/Adnexart

Bolina, bolina e ancora bolina. Aprile è un mese in grado di dare situazioni meteo complesse e quest’inizio di primavera non ha risparmiato la flotta della RomaX1, X2, XTutti, che è stata impegnata nella risalita da Lipari in condizioni meteo abbastanza dure, con un Maestrale fresco. A tagliare per primo il traguardo di Riva di Traiano è stato il Cookson 50 Endlessgame di Pietro Moschini, skipper Pietro D’Alì, categoria XTutti, che ha coperto le oltre 500 miglia di percorso in poco più di 76 ore. Numerosi i ritiri nel resto della flotta durante la risalita del Tirreno. Endlessgame al momento è accreditato per la vittoria in IRC overall, mentre la classifica ORC appare molto più incerta e molto potrebbe dipendere dalla situazione meteo nelle prossime ore, con vento in calo. Da monitorare il Sydney 39 Sirbiss.

Nella Roma x2 è in corso un vero testa a testa tra il Comet 45s Libertine e il Figaro 3 Muttley.

Nella X1 il Figaro 2 Tintorel sembra avere fatto il vuoto alle proprie spalle.

Tracking QUI

CHE BARCA E’ IL COOKSON 50

In giro per il mondo, il Cookson50 riscuote da anni importantissimi successi in tutte le regate d’altura (compresa la mitica Sydney Hobart o la RORC 600 Caribbean): eppure comincia ad essere piuttosto “datata”, visto che la prima barca del cantiere neozelandese (chiuso definitivamente qualche mese fa) è stata varata nel 2004.

5766153_20160405222105751_1_xlarge-1LA MANO DI FARR
Quali sono i segreti di questo racer-cruiser “sempreverde”, lungo 15,24 metri (al galleggiamento 13,85) e larga 4,33? Innanzitutto la bravura del progettista che l’ha firmata, nientepopodimeno che Bruce Farr, che ha optato per uno scafo a dislocamento ultraleggero (solo 7 tonnellate) che strizza l’occhio ai TP52, con baglio esasperato e slanci pressoché nulli, ma nel contempo ha deciso di affidarsi a un bordo libero piuttosto alto per ottimizzare l’altezza nel sottocoperta e renderlo comodamente abitabile anche in crociera.

2013-rc600-privateer-twSOTTO LA CARENA
La chiglia basculante con pinna in acciaio e bulbo in piombo (3,00 m di pescaggio, comandata idraulicamente con inclinazione massima di 35° e opzionalmente allungabile a 3,25) e il canard centrale a prua dell’albero contribuiscono a migliorare le performance in navigazione. Un altro punto di forza è la facilità di conduzione: soprattutto oggi che il trend progettuale mira alla riduzione dell’equipaggio necessario a portare la barca. Soluzioni che oggi potrebbero sembrare scontate, ma che 12 anni fa non lo erano affatto.

5766153_20160405215942392_1_xlargeMATERIALI AL TOP
Anche i materiali sono di prim’ordine. Lo scafo è costruito in stampo femmina ed è realizzato in fibra di carbonio con cuore di schiuma Corecell. I laminati sono infusi con resina epossidica, consolidati sottovuoto e a calore controllato. I punti di carico sono rinforzati con laminati di carbonio. La coperta viene fornita completa di winch e stopper, carrello della randa e tutto ciò che serve affinché la barca sia pronta a navigare nel migliore dei modi (escluse le vele): la doppia timoneria è in carbonio montata su piedistalli anch’essi in carbonio. La superficie velica totale è di  Il motore standard è uno Yanmar da 54 cavalli con saildrive.

schermata-2016-10-25-a-12-30-18SOTTOCOPERTA “MINIMAL”
Sottocoperta il design è improntato al razionalismo, senza fronzoli ma dotato di una certa eleganza. Due cuccette a poppa singole a poppa, a dritta e sinistra, l’ampio quadrato, con cucina e divani a L e tavolo da carteggio in carbonio ultraleggero, la cabina armatoriale doppia a prua con un piccolo bagno. Niente male per una barca che è nata in primis per correre.

schermata-2016-10-25-a-12-29-56PREZZO? MOLTO ALTO, MA VALE LA SPESA…
Il prezzo? Molto alto, e tiene il mercato come non mai: difficilmente troverete un modello usato (anche del 2006, vecchio di dieci anni quindi) a meno di 350.000 euro (così sarebbe una superoccasione, noi abbiamo visto modelli che ne costano anche 430.000). Se però ne avete la possibilità, e state cercando una barca che vi consentirà di togliervi – sicuramente, aggiungiamo noi – belle soddisfazioni in regate d’altura e tra le boe, senza precludervi la crociera in famiglia, non possiamo che consigliarla.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI REGATE E SPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi