developed and seo specialist Franco Danese

Da Verona ammoniscono: “La barca classica unico nido d’amore possibile”

B&G sale a bordo del Velista dell’Anno TAG Heuer
1 aprile 2019
Matteo Miceli e la sua barca a impatto zero vi aspettano al TAG Heuer VELAFestival!
1 aprile 2019


VERONA – Durante il Congresso delle Famiglie di Verona c’è stato spazio anche per una “stoccata” al mondo della vela. In un approfondimento dedicato ai luoghi di concepimento, si è parlato anche delle barche a vela. Che, per carità, vanno benissimo: a patto che…

Ubaldo Pescetti (nella foto) ha dichiarato: “Non leggo più il Giornale della Vela da quando parlate di foil e vele asimmetriche”

“I luoghi di concepimento di un figlio della famiglia tradizionale sono importanti almeno quanto il concetto di famiglia stessa”, ha detto Ubaldo Pescetti, portavoce del movimento Vela&Tradizione. “Per questo invitiamo i nostri appassionati di sport che vanno in barca a ripudiare come luogo di concepimento unità a vela che non siano strettamente classiche. In tal senso specifichiamo che per noi l’armo tradizionale, utilizzato da decenni, prevede randa, fiocco e spinnaker, ciò che va oltre questo schema va considerato come impuro”.

Le barche a vela vanno così, non vediamo il motivo di contaminare la purezza della navigazione con i cosiddetti “asimmetrici”, vele tipo Code 0, A0, fiocchetti a bassa sovrapposizione. Per non parlare delle vele avvolgibili senza cavo antitorsione, a mio avviso demoniache. Concepireste mai un figlio su una barca così?”.

Al bando anche il mondo dei foil, le “appendici” che fanno volare le barche: “Un’altra diavoleria degli ultimi anni arrivata dalla Coppa America che sta snaturando il vero spirito della vela (e in più, a quella velocità, il concepimento potrebbe risultare difficile dal punto di vista meccanico). Lo sanno tutti che la vera vela è quella dei J-Class, con la loro eleganza e maestosità”.

Secondo Pescetti, il primo sovversivo è stato “Enrico Forlanini, che già nel primo decennio del XX secolo era riuscito a far navigare un aliscafo a motore sul lago Maggiore in completo sostentamento aerodinamico. Da lì è degenerato tutto”.

Aprilio D’Entice

CLICCA QUI PER ACCEDERE AL SITO VELA&TRADIZIONE

4 Comments

  1. Salvatore ha detto:

    Tutto è possibile e non c’è mai limite al peggio ma…questa mi pare tanto enorme da essere inverosimile! Tanto enorme da considerarla un vero SCHERZO DA 1° di APRILE!

  2. PIERO SUSINI ha detto:

    uno scherzo o una follia!

  3. Seamaster ha detto:

    Molto divertente, purtroppo con i tempi che corrono rischia di essere verosimile.

  4. Salvatore ha detto:

    Io voglio continuare a sperare che l’articolo, vista la data in cui è comparso (il 1° Aprile) sia solo uno scherzo ma mi preoccupa il fatto che nessuno del Giornale della Vela si sia presentato, eventualmente, a confermarlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi