RASSEGNA Deumidificatori: una barca asciutta è una barca comoda

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Nelle cabine c’è talmente umido che vi trovate costretti ad appendere tutto in coperta come nella foto sopra?
C’è qualcosa che non va. Una barca asciutta è una barca più sicura, comoda e vivibile.

Esistono tante soluzioni per godervi gli interni, anche nella brutta stagione, “al secco”: riscaldatori, sacchetti antiumido e, ovviamente, i cari vecchi deumidificatori. Questi ultimi, se utilizzati con accortezza, vi garantiranno ottimi risultati a fronte di una spesa poco sostenuta. Dovrete però scegliere il modello giusto con attenzione, perché spesso, trattandosi di dispositivi non nati per l’utilizzo esclusivo in barca, potrebbero darvi problemi.

Alcuni vengono danneggiati dal salino nell’aria (e la garanzia del produttore, spesso, non copre questa eventualità), altri sono modelli pensati per essere portatili e non è possibile assicurarli adeguatamente a bordo quando c’è mare grosso o si naviga inclinati. Visto che in alcuni modelli l’acqua viene accumulata in un serbatoio, ricordatevi di asciugarlo bene e non lasciatelo pieno a bordo. Ecco quattro deumidificatori che, secondo noi, non vi deluderanno in barca.

MEACO/ZAMBEZI DD8L
Si tratta di uno dei deumidificatori più “famosi”. Dotato di display a cristalli liquidi, lo Zambezi ha anche una funzione timer, in modo da poter deumidificare quando si vuole. Potrete facilmente riversare in un lavandino l’acqua raccolta (fino a 8 litri al giorno), tramite un tubo flessibile. Costa 299,95 euro su www.svb-marine.it

ECOR PRO/DRYBOAT 12
Lo dice anche il nome: questo deumidificatore è stato progettato appositamente per l’utilizzo in barca. L’unità è realizzata in acciaio inox e per questo è esente da rischi di corrosione: non ha serbatoio, l’umidità viene esplusa tramite un condotto. Può rimuovere fino a 12 litri di acqua al giorno e la prestigiosa rivista Yachting World lo ha eletto miglior deumidifcatore del 2018. Costa 589 sterline (circa 650 euro) QUI

SEAGO/SMART DRY
Smart Dry è ideato per la barca e dispone di un serbatoio da 1,8 litri sul retro. Viceversa potrete optare per lo scarico continuo (magari in un lavandino) con il tubo in dotazione. Il display digitale vi consente di settare le impostazioni di deumidificazione: può raccogliere fino a 10 litri d’acqua al giorno. Costa all’incirca 160 euro. www.seagoyachting.co.uk

DURONIC/DH20
Comprensivo di ruote e di maniglia per il trasporto, il Duronic DH20 è in grado di raccogliere anche 20 litri di acqua al giorno. Incorpora un serbatoio da 4 litri e dispone di un tubo di scarico per l’utilizzo continuo. Silenzioso, ha un timer programmabile e tre modalità di funzionamento per raggiungere il tasso di umidità desiderato. Costa 184,99 euro su www.duronic.com

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quiz carteggio

Carteggio, i tre esercizi base per divertirti in crociera

Anche se i chartplotter e i GPS hanno preso il sopravvento, bisogna essere sempre pronti al carteggio con squadretta, compasso, bussola da rilevamento e carta nautica. Anche perché in caso di blackout a bordo, ve la dovrete cavare alla vecchia

Torna su

Registrati



Accedi