“Così il fiume Po ferma tonnellate di rifiuti prima che arrivino in mare”

 

Tutto quello che buttiamo in un fiume, si sa, prima o poi finisce in mare. E se il fiume in questione è il Po capiamo al volo la portata del problema. Cosa fare allora? Provare a prevenire, fermando i rifiuti finché è possibile.

Ecco come: in soli quattro mesi oltre cinque quintali di rifiuti (uno di questi di sola plastica) sono stati intercettati e bloccati lungo il corso del Po dall’innovativo sistema Seasweeper, promosso dal progetto Po d’Amare.

Come funziona? L’obbiettivo era quello di fermare i rifiuti prima del loro arrivo al mare Adriatico, per poi avviarli al riciclo, contribuendo al piano nazionale per la prevenzione e la riduzione dei rifiuti in mare. Infatti tutta la plastica raccolta era in buone condizioni, quindi è stato facile riciclarla reimmettendola nel ciclo produttivo, risparmiando nuova materia prima. 

Per questo motivo a Pontelagoscuro (Ferrara) a 40 km dalla foce del fiume sono state installate delle barriere galleggianti in polietilene che non hanno alcun impatto su animali e piante, il cui compito era quello di bloccare i rifiuti in moda da permetterne il recupero.

Foto da una raccolta plastica a Genova

Tutto ciò è stato reso possibile con il sopraccitato Po d’Amare, iniziativa contro la spazzatura in mare predisposta dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, dai Consorzi Corepla e Castalia, in collaborazione con l’Autorità di bacino per il Po, e patrocinato dal Comune di Ferrara e da Aipo. Si è trattato di una prima sperimentazione e il progetto che proseguirà per tutto il 2019.

Alessandro Volpi

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. E venite a trovarci al TAG Heuer VELAFestival di Santa Margherita (2-5 maggio) allo Stand Medplastic! In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com. www.medplastic.org


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Ci

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Quanto

Torna su