La Puglia virtuosa gioca d’anticipo, bye bye plastica!

Una buona notizia: la Puglia sarà la prima regione in Italia a mettere al bando la plastica monouso e i sacchetti di plastica dalle proprie spiagge. Altre realtà italiane come Senigallia (Ancona) e Lampedusa hanno già adottato ordinanze di questo tipo ma la Puglia è la prima realtà regionale ad andare verso un turismo sempre più sostenibile.

La regione anticipa di due anni la direttiva comunitaria europea che metterà al bando la plastica monouso, facendo così sparire oggetti di plastica come cannucce, posate, bicchieri e piatti che costituiscono il 49% dei rifiuti marini.

Dalla prossima estate perciò 200 balneatori pugliesi, resisi conto che la raccolta differenziata non basta, ridurranno il consumo di questo tipo di plastica che sarà sostituita da contenitori e attrezzi in cellulosa biodegradabile e utilizzeranno solo buste di carta.

Nei giorni scorsi è stato l’assessore regionale al Bilancio con delega al demanio marittimo Raffaele Piemontese ad annunciare l’ordinanza, figlia dell’accordo raggiunto con i rappresentanti dei sindacati balneari e delle associazioni ambientaliste.

È lo stesso Piemontese a dichiarare: «D’intesa con il presidente della regione Michele Emiliano ho proposto ai rappresentanti degli stabilimenti balneari, che hanno condiviso all’unanimità, la decisione di dire stop sin da questa stagione estiva alla plastica sui nostri lidi, a favore invece di materiale compostabile e monouso. È un risultato prezioso per l’equilibrio futuro del nostro ambiente marino».

Alessandro Volpi

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. E venite a trovarci al TAG Heuer VELAFestival di Santa Margherita (2-5 maggio) allo Stand Medplastic! In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com. www.medplastic.org

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Omicidio

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Torna su