Se vedete in Mediterraneo questa barca, non spaventatevi


Navigando in Mediterraneo quest’estate potreste imbattervi in uno strano oggetto a vela costruito con due milioni e mezzo di canne.
Fategli una foto perché è qualcosa di eccezionale. Il promotore di questa curiosa iniziativa scientifica è Dominique Görlitz, biogeografo e archeologo sperimentale della città tedesca di Chemnitz: la “barca” si chiama “Abora IV”.

Dominique Gorlitz

Cosa vuole dimostare Görlitz? Il suo scopo è di ripercorrere la rotta, che molti ritengono impossibile, che esisteva già in epoche lontanissime una rotta attraverso il Mediterraneo fino all’Egitto, una rotta commerciale tra la regione del Mar Nero e l’Egitto.

Così afferma lo stesso Dominique Görlitz: “Molti storici e marinai esperti dubitano che il commercio a lunga distanza su questa difficile rotta fosse possibile anche per una barca a vela. Ma sono fermamente convinto che l’uomo era un maestro del vento e del tempo molto prima di quanto si pensasse”.

“Abora IV” è stato costruito sulla costa russa e bulgara del Mar Nero e inizierà a navigare a luglio.

Görlitz non è nuovo a imprese di questo genere, con una barca simile nel 2007 è partito da New York per raggiungere l’Europa navigando contro vento.

Prima ancora di raggiungere le Azzorre, tuttavia, lo straordinario viaggio ha dovuto essere annullato a causa di eccessivi danni allo scafo.

Questa volta è voluto andare sul sicuro con Abora IV, per questo la barca è costruita sul Mar Nero, nei pressi della base di partenza della spedizione.

La fonte di ispirazione dichiarata per la progettazione e costruzione della barca è il famoso Kon Tiki di Thor Heyerdal. Se vuoi saperne di più sul Kon Tiki CLICCA QUI

Per saperne di più: www.abora.eu

ABORA IN ATLANTICO

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE, AVVENTURE & NOLEGGIO

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su