L’ultima frontiera delle vele: addio cavo anti torsione

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Sul lato dell’inferitura si nota chiaramente il rinforzo scuro. Integrato nella vela, serve a dare quella rigidità necessaria per farla avvolgere anche senza cavo anti torsione.

Il cavo anti torsione per anni è stato uno dei componenti fondamentali delle vele come i Code 0, gli A0 e tutte quelle vele non inferite avvolgibili con un “frullone”. Oggi però stiamo per entrare, e in parte lo siamo già, in una nuova era, quella delle vele definite “Cable Less”, senza cavo anti torsione. Numerose velerie stanno sperimentando questa soluzione in regata e i suoi vantaggi, come leggerete, non sono indifferenti, così da giustificare un prossimo utilizzo su larga scala non solo nel mondo dei racer.

La veleria Doyle è stata la prima ad applicare la tecnologia Cable Less, sperimentandola sui Maxi 72. Nella foto Momo con Code 0 Doyle, uno dei 72 più vincenti degli ultimi anni.

I primi a sperimentare la tecnologia “Cable Less” furono i velai della Doyle sul Maxi 72 Bella Mente, una barca che vedeva a bordo due leggende come Terry Hutchinson, vice presidente Quantum Sails, e Mike Sanderson, CEO Doyle. La barca era armata con un corredo misto fornito dalle due velerie, ma a firma Doyle per quanto riguarda i Code e simili.

La Elvstrom le ha rinominate “Cable Free”, sperimentandole tra le prime barche sul Ker 46 Lady Mariposa. Si notano i rinforzi verticali lungo l’inferitura.

L’IDEA

L’idea Doyle fu quella di sostituire il cavo con una serie di rinforzi unidirezionali integrati che irrigidissero il bordo d’ingresso della vela che va poi a lavorare in fase di avvolgimento. In alternativa a questa soluzione, vengono anche usati dei pannelli di tessuto rinforzato, più pesanti rispetto alla costruzione della vela. Una necessità nata inizialmente per un motivo semplice: rendere la vela più efficiente in determinate condizioni.

Sulle vele tipo Code 0 e simili, e in generale come principio, quando si allarga leggermente l’angolo al vento si ha la necessità di ammorbidire la drizza per rendere la vela più potente, stessa cosa con vento leggero. In queste situazioni l’effetto della gravità causato dal cavo anti torsione incide negativamente, facendo cadere l’inferitura sottovento più del dovuto e costringendo a un eccesso di tensione di drizza, non giustificata dall’andatura e dall’intensità del vento. Stessa cosa negli angoli stretti o con brezza più tesa, la drizza deve essere in grado di stirare non solo la forma della vela ma anche il cavo anti torsione, e il risultato è quello di avere sempre carichi più alti rispetto a quelli necessari per le condizioni. Questo faceva si che la forma della vela da progetto fosse un po’ più magra del dovuto sul bordo d’ingresso, proprio per prevedere il fattore cavo.

Come ci ha raccontato inoltre Vittorio D’Albertas della Quantum Sails Italia: “Per ragioni di stazza IRC e ORC le vele tipo Code hanno una limitazione: per evitare di essere considerate dal regolamento come dei “super genoa” che penalizzerebbero molto il rating, la misura tra metà balumina e inferitura deve essere il 75% o più della lunghezza della base. Non potendo aggiungere centimetri di curvatura in inferitura, che peggiorerebbero l’effetto gravità del cavo, questi vengono aggiunti in balumina, con il fastidioso risultato di vele dalla balumina spesso “svolazzante” perché resa più “rotonda” per restare in stazza. Qualcosa di antiestetico e poco efficiente. Senza il cavo, con le Cable Less, una parte di questa curvatura può essere portata sul bordo anteriore, proiettando in avanti l’inferitura, migliorando la forma generale della vela, e offrendo più precisione nella regolazione dell’angolo di inferitura”.

UNA QUESTIONE DI CARICHI

La North Sails ha sperimentato le sue Helix senza cavo anti torsione, tra le altre barche, anche sul Tp 52 Spookie in foto. La veleria applicherà la nuova tecnologia non solo alle vele in membrana ma anche su quelle dal taglio triradiale per andare incontro anche al pubblico meno “race”.

Come ci ha spiegato Matteo Reboli della North Sails, azienda che ha rinominato le vele senza cavo con la dicitura Helix: “Il passo in avanti con le vele Helix è la ridistribuzione dei carichi che permette di ridurre notevolmente le tensioni sui punti di attacco (mura e testa) trasferendo i vettori di sforzo nella parte frontale della vela, rendendo più efficace il profilo e migliorandone l’avvolgimento, questo si riflette nel trasferire alla barca, albero, sartiame e bompresso / fittings necessari uno stress inferiore (elementi imprescindibili nella progettazione e realizzazione di progetti custom/regata-offshore). Oltre a tale applicazione valida per la nostra tecnologia di costruzione 3di, North Sails continua a sviluppare l’ottimizzazione delle vele Helix in taglio triradiale per cercare di poter rispondere in maniera completa a tutte le esigenze del mercato”.

La One Sails ha eliminato il cavo anti torsione anche dalle vele in nylon tipo gennaker. Denominate IFS (Integrated Furling System) hanno dimostrato di essere applicabili e valide anche in questo tipo di soluzione.

Dello stesso parere la veleria One Sails, che è stata invece la prima a sperimentare questa tecnologia, che l’azienda ha denominato IFS, anche sulle vele in nylon tipo gennaker: “Grazie ad una tensione di drizza inferiore del 30-35% rispetto ad una vela con cavo antitorsione, è possibile semplificare anche l’attrezzatura non rendendo necessaria l’adozione di una drizza demoltiplicata e riducendo sensibilmente il carico strutturale su bompresso o definiera, tutto a vantaggio della sicurezza. Per avvolgere e svolgere la vela non è necessaria quindi molta tensione sulla drizza, giusto il minimo per renderla quasi rettilinea. La vela avvolta poi, priva del cavo antitorsione, risulta leggera e maneggevole e si piega facilmente su se stessa”. Attualmente questa tecnologia viene usata con successo nel mondo delle barche da regata, ma presto il suo utilizzo sarà su ampia scala, avvicinandosi sempre più anche al mondo della crociera.

Mauro Giuffrè

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

INEOS Britannia, a fuoco la barca di Sir Ben Ainslie

Il team di America’s Cup INEOS Britannia sta attraversando un periodo burrascoso, e non solo sul mare. Dopo un po’ di delusione nelle regate preliminari di America’s Cup, con un ultimo e penultimo posto alle tappe di Vilanova e Jeddah,

Torna su

Registrati



Accedi