La borsa delle barche in gestione: ecco le offerte del mese


Vi abbiamo già parlato del fenomeno “barca in gestione”
e di tutti i suoi vantaggi in questo articolo. In soldoni, come funziona? Un armatore acquista una barca che da in gestione ad una società di noleggio la quale gli garantisce una rendita per un certo numero di anni, ricavata dall’affitto della sua barca. L’armatore può usufruire della sua bene in determinati periodi e non ha addebitato alcun costo né onere di gestione e di ormeggio.

Al termine dell’accordo tra proprietario e società di gestione, la barca torna nella disponibilità dell’armatore che decide se venderla o tenersela. I vantaggi per l’armatore sono tanti, non si deve occupare della barca, con il ricavato dalla gestione può ripagarsi le rate del leasing, utilizza la barca quando vuole.

Sono certi anche i vantaggi per la società di noleggio che non deve finanziare l’acquisto ma fare il suo mestiere: farla rendere affittandola più settimane possibili nell’arco di un anno. Ma anche chi noleggia ha dei vantaggi: queste barche sono spesso meglio attrezzate, più nuove, modelli di maggior prestigio rispetto ad una barca adibita solo al noleggio. Questo perché la barca è di proprietà di un armatore che la attrezza (e la sceglie) anche per un uso personale. Questi sono i meccanismi e i vantaggi di cui beneficiano i tre soggetti in causa: armatore, società di noleggio, soggetto che noleggia la barca.

Ecco le tre offerte di barca in gestione (a cura di tre importanti società di noleggio, Spartivento, North Sardinia, Kiriacoulis) di questo mese. Troverete anche, a cura di Iccrea BancaImpresa, la quotazione dell’acquisto in leasing.

L’OFFERTA DI SPARTIVENTO – BENETEAU OCEANIS 51.1

L’OFFERTA DI NORTH SARDINIA – LAGOON 40

L’OFFERTA DI KIRIACOULIS – BAVARIA 41


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

RemigoOne, il primo 1kW fuoribordo elettrico completamente integrato al mondo.

Patente nautica e motori elettrici. Facciamo chiarezza

Con l’avvento dei motori elettrici, la cui potenza commerciale è espressa in watt (il cui multiplo è il kW ovvero 1000 W) anziché cavalli vapore, potrebbe sorgerci il dubbio se, e oltre che potenza, la patente nautica sia necessaria. Abituati

Torna su