developed and seo specialist Franco Danese

Hanno trovato le microplastiche anche dove sarebbe stato impensabile trovarle

Se Trump e Putin “spegnessero” GPS e GLONASS? Vi salverebbe Galileo!
13 marzo 2019
A Salina nasce finalmente un nuovo porticciolo. Ma infuria la polemica
14 marzo 2019



Cattiva notizia. Hanno trovato le microplastiche anche dove sarebbe stato impensabile. Ovvero, nella Fossa delle Marianne
(Mariana Trench), l’abisso più profondo conosciuto (il cui massimo picco – l’abisso Challenger – raggiunge i 10 994 m sotto il livello del mare), nell’Oceano Pacifico nord-orientale. E’ il risultato di una ricerca pubblicata su Geochimical Perspectives.

Vi abbiamo già parlato, con l’aiuto degli esperti, dei pericoli delle microplastiche (https://www.giornaledellavela.com/2018/10/14/sette-cose-sulle-microplastiche/). Sono microframmenti di meno 5 mm che derivano da prodotti che contengono direttamente microsfere di plastica, come creme esfolianti (scrub), dentifrici, smalti e altri cosmetici, (ma anche dal lavaggio di vestiti che contengono fibre sintetiche) o dalla frammentazione di rifiuti o altri prodotti in plastica di maggiori dimensioni.

La loro pericolosità sta proprio nella loro piccolezza: i pesci le ingeriscono, alcuni piccoli frammenti penetrano all’interno dei loro corpi sfruttando le microcavità dell’apparato digerente e la plastica che noi stessi contribuiamo a creare tutti i giorni, con comportamenti poco attenti, ci ritorna nei banchi delle pescherie sotto forma di “pesci plastificati”.

Torniamo negli abissi: nella Fossa delle Marianne sono stati trovate concentrazioni di microplastiche tra i 200 e 2200 pezzi di appena pochi millimetri per litro. Ovviamente non è l’unica depressione a registrare un tale inquinamento, in quanto anche in Giappone, Izu-Bonin, Perù-Cile, Vanuatu e isole Kermadec, i risultati sono decisamente preoccupanti.

COME E’ POSSIBILE TUTTO CIO’

Una risposta all’elevata abbondanza di microplastiche presenti nelle acque di fondo e nei sedimenti della Mariana Trench, può essere data dalle correnti derivanti dalle regioni industrializzate del Pacifico nordoccidentale e dalla Gyr Subtropical North Pacific, chiamata “Great Pacific Garbage Patch”.

E la colpa è ancora una volta nostra. Un banale esempio sono gli scarti derivanti dall’utilizzo della lavatrice, dove le microfibre sintetiche dei nostri vestiti vengono incurantemente lasciate defluire nei canali di rigetto, e disperse poi nel mare.

Il consiglio che possiamo darvi è innanzitutto di scegliere prodotti cosmetici e per l’igiene personale “microplastics-free” e magari attrezzarvi con una “palla attira microfibre” tipo quella prodotta dalla Coraball (https://coraball.com/, nella foto a lato) da mettere nella lavatrice ad ogni lavaggio.

E.P.

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com. www.medplastic.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.