developed and seo specialist Franco Danese

Se Trump e Putin “spegnessero” GPS e GLONASS? Vi salverebbe Galileo!

Barriera corallina in Puglia: siamo sicuri che sia una buona notizia?
13 marzo 2019
Hanno trovato le microplastiche anche dove sarebbe stato impensabile trovarle
14 marzo 2019

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!


Scenario fantapolitico: immaginate di essere con la vostra barca a vela nel bel mezzo del Mediterraneo
, magari tra la Sardegna e le Baleari. Proprio in quel giorno, a Trump e Putin “gira il boccino” e decidono di “spegnere” i sistemi satellitari GPS (Global Positioning System, statunitense) e GLONASS (GLObal’naya NAvigatsionnaya Sputnikovaya Sistema, russo). Improbabile, ma possibile: sta di fatto che vi ritrovereste all’improvviso senza conoscere la vostra posizione.

Da oggi però non sarà più così: i vostri dispositivi potranno contare anche su Galileo, il sistema di navigazione satellitare sviluppato da Unione Europea ed Agenzia Spaziale Europea (ESA). I nuovi PLB McMurdo Fast Find 220 e i Kannad SafeLink Solo sono i primi apparati che ricevono le coordinate anche dalla rete satellitare Galileo, ma siamo sicuri che, a ruota, seguiranno molti altri prodotti. GPS, Multifunzione, VHF, EPIRB, è solo questione di (poco) tempo.

Se poi “girasse il boccino” anche all’Unione Europea, non vi resta che sperare di ricordarvi quello che avete imparato al corso di patente nautica: d’altronde, in caso di blackout degli strumenti, non potrete far altro che destreggiarvi tra bussola, punto nave, carteggio, scarroccio e deriva. Come ogni buon marinaio dovrebbe saper fare!

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi