Coppa America, che succede? Slitta la tappa italiana

Mal di pancia da Coppa America? Definirlo ironicamente così forse è un po’ eccessivo, ma di fatto l’organizzazione della Coppa 2021 ad Auckland, come forse era fisiologicamente prevedibile, passa dal superamento di alcuni ostacoli.

I NODI

A tener banco c’è stata nelle scorse settimane qualche tensione tra il defender Emirates Team New Zealand e il Challenge of Record Luna Rossa a proposito dell’accettazione delle nuove sfide (Altus, Dutch Challenge e Stars&Stripes) giunte oltre il tempo limite (anche e soprattutto con il pagamento). LEGGI QUI e QUI chi sono gli sfidanti per l’America’s Cup 2021.

Ma il nodo più spinoso è quello di carattere organizzativo-tecnologico, che in un certo senso si lega al primo punto: non ci sono i tempi tecnici per disputare la prima tappa delle World Series a ottobre, prevista a Cagliari, che verrà slittata alla primavera 2020. A ufficializzare la cosa è stato Matteo Plazzi per Luna Rossa in occasione della premiazione del Velista dell’Anno FIV. La progettazione e lo sviluppo tecnologico degli AC75 è un affare, comprensibilmente, complesso. Il fatto di avere accettato dei team oltre il tempo limite non fa altro che ritardare questo processo, dato che alcune componenti saranno fornite one design a tutti i team e dato che Luna Rossa non vuole certo avere a Cagliari un evento monco di alcuni team, per offrire il massimo spettacolo possibile. Serve quindi, giustamente, tempo. L’America’s Cup con quest’edizione, la Coppa vera e propria sarà ad Auckland nel 2021 preceduta dalla selezione degli sfidanti denominata Prada Cup, si gioca tutto: credibilità, appeal, pubblico, soldi. Vietato sbagliare, vietato presentare un evento zoppicante.

LA COPPA IN TV

Per questa ragione è già stato reso noto che le regate verranno trasmesse in chiaro, gratuitamente, su tutte le piattaforme e le TV che lo richiederanno. Insomma massima visibilità, obiettivo il grande pubblico, ma per raggiungere questo scopo serve uno spettacolo di un certo livello, che appassioni. Gli ingredienti ci sono tutti, con una nuova barca che potrebbe far ricredere molti scettici, ma non bisogna avere fretta.

Mauro Giuffrè


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Torna su