developed and seo specialist Franco Danese

Coppa America, che succede? Slitta la tappa italiana

Addio ufficio, io vado a lavorare in barca a vela!
6 marzo 2019
Barche usate – Bavaria 31 Cruiser, non chiamatelo natante!
6 marzo 2019

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Mal di pancia da Coppa America? Definirlo ironicamente così forse è un po’ eccessivo, ma di fatto l’organizzazione della Coppa 2021 ad Auckland, come forse era fisiologicamente prevedibile, passa dal superamento di alcuni ostacoli.

I NODI

A tener banco c’è stata nelle scorse settimane qualche tensione tra il defender Emirates Team New Zealand e il Challenge of Record Luna Rossa a proposito dell’accettazione delle nuove sfide (Altus, Dutch Challenge e Stars&Stripes) giunte oltre il tempo limite (anche e soprattutto con il pagamento). LEGGI QUI e QUI chi sono gli sfidanti per l’America’s Cup 2021.

Ma il nodo più spinoso è quello di carattere organizzativo-tecnologico, che in un certo senso si lega al primo punto: non ci sono i tempi tecnici per disputare la prima tappa delle World Series a ottobre, prevista a Cagliari, che verrà slittata alla primavera 2020. A ufficializzare la cosa è stato Matteo Plazzi per Luna Rossa in occasione della premiazione del Velista dell’Anno FIV. La progettazione e lo sviluppo tecnologico degli AC75 è un affare, comprensibilmente, complesso. Il fatto di avere accettato dei team oltre il tempo limite non fa altro che ritardare questo processo, dato che alcune componenti saranno fornite one design a tutti i team e dato che Luna Rossa non vuole certo avere a Cagliari un evento monco di alcuni team, per offrire il massimo spettacolo possibile. Serve quindi, giustamente, tempo. L’America’s Cup con quest’edizione, la Coppa vera e propria sarà ad Auckland nel 2021 preceduta dalla selezione degli sfidanti denominata Prada Cup, si gioca tutto: credibilità, appeal, pubblico, soldi. Vietato sbagliare, vietato presentare un evento zoppicante.

LA COPPA IN TV

Per questa ragione è già stato reso noto che le regate verranno trasmesse in chiaro, gratuitamente, su tutte le piattaforme e le TV che lo richiederanno. Insomma massima visibilità, obiettivo il grande pubblico, ma per raggiungere questo scopo serve uno spettacolo di un certo livello, che appassioni. Gli ingredienti ci sono tutti, con una nuova barca che potrebbe far ricredere molti scettici, ma non bisogna avere fretta.

Mauro Giuffrè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi