developed and seo specialist Franco Danese

Da Trieste a Hong Kong su un Grand Soleil 50: buon vento Fabrizio e Matt!

SPECIALE USATO. Sun Odyssey 36i, il buon compromesso per la crociera
2 marzo 2019
Velista dell’Anno TAG Heuer, 7.000 voti in meno di due giorni! Ecco come sta andando
3 marzo 2019

fabrizio pizzioliSono salpati stamattina Fabrizio Pizzioli (a sinistra nella foto) e Matt Wakeling: da Trieste, con il loro Grand Soleil 50 Nemesis, vogliono arrivare a Hong Kong, dopo 8.500 miglia, 20 paesi e tre mesi di navigazione.

Nemesis è un Grand Soleil 50

Venti paesi, 8.500 miglia, tre mesi di navigazione pura. Non ci sono motivi di marketing, né secondi fini dietro all’avventura che hanno deciso di intraprendere il triestino Fabrizio Pizzioli e l’australo-americano Matt Wakeling, se non il piacere di andare a vela e mettersi alla prova su una tratta inconsueta. I due partono oggi da Trieste per Hong Kong (una meta “conosciuta” per i due quarantenni si sono conosciuti in Cina e vi hanno vissuto per circa un decennio).

Loro compagno di avventure Nemesis, un Grand Soleil 50 (14,90 x 4,58 m): non una spartana barca oceanica, ma un cruiser performance dotato di ogni comodità.

IL PERCORSO
Da Trieste i due punteranno la prua su Corfù, poi verso Patrasso e l’istmo di Corinto, per poi veleggiare verso il Canale di Suez. Da Port Said (Egitto) faranno rotta verso Gibuti navigando nel Mar Rosso, per poi dirigersi verso le coste dell’India. “La rotta è sicuramente poco battuta”, ci ha raccontato Pizzioli, un passato da neuroscienziato e un presente da titolare di un atelier di sartoria, “per otto barche che dall’India navigano verso ovest, solo una da Suez risale l’Oceano Indiano”. Una tratta insidiosa, aggiungiamo noi: si tratta di mari dove non sono rari atti di pirateria.

LA SCINTILLA
Fabrizio e Matt non hanno grande esperienza di barche a vela: l’idea di questa navigazione, da loro intitolata “We Sail The Silk Road” (“navighiamo la Via della Seta”), è balenata all’improvviso quando usciti su un piccolo gommone e spento il motore al largo di Rovigno, in Croazia, hanno scoperto la sensazione di pace che solo il mare sa dare. “Per quanto riguarda la navigazione nell’Oceano Indiano, ci faremo dare una mano da un esperto skipper scozzese che salirà a bordo con noi”.

UNA BARCA ATTREZZATA AL MEGLIO
Come scritto sopra, la barca è equipaggiata al meglio per le lunga navigazione: “Abbiamo un sistema integrato di strumenti di navigazione: il ‘core’ è il sistema Triton di B&G, con i multifunzione Vulcan 7 su cui abbiamo installato cartografia Navionics. Abbiamo anche AIS e Radar”, per vedere ed essere visti in mari piuttosto battuti dalle rotte commerciali.

“Disponiamo di un dissalatore Schenker da 60 litri, un generatore diesel Fischer Panda per l’energia di bordo e un idrogeneratore Cruising della Watt & Sea. Non abbiamo installato generatori eolici perché contiamo di navigare molto, e nemmeno pannelli solari”. Le vele sono firmate Supreme Sails, veleria slovena che ha disegnato anche quelle usate da Dan Lenard per la sua traversata atlantica senza strumenti. Le provviste? “Porteremo con noi riso, olio, pasta, delle canne da pesca per la traina”.

Seguiremo periodicamente la navigazione di Fabrizio e Matt: per adesso, in c… alla balena ragazzi!

E.R.

GUARDA LA GALLERY

QUI IL SITO DI WE SAIL THE SILK ROAD

6 Comments

  1. Fabio ha detto:

    Ogni tanto c’è qualcuno che ha la fortuna di potersi permettere di annunciare queste imprese che permettemi di dirlo di speciale hanno solo il budget che li sostiene. Molti annunciano e dopo due mesi non sai più che fine hanno fatto(sono tornati a casetta dopo le prime difficoltà) per noi che siamo i velisti da ferie succede che in quei 20 giorni che vai a fare il giretto nell’egeo ti ritrovi a navigare con la famiglia in situazioni estreme e lo fai non perchè sei un eroe ma perché il lavoro aspetta e devi rientrare per forza…nessuno applaude per questo.

  2. elio vulpis ha detto:

    Con invidia, Bravi!!! Certo è un differente modo di navigare per novemila miglia ma è la dimostrazione che tutti hanno il diritto di sognare e se il budget è formato più da soldi che da audacia e coraggio non ha rilevanza, ognuno utilizza i mezzi ed i valori che possiede. Oltretutto potrebbero sempre telefonare a Marzotto, cui da tempo il Giornale della Vela dedica lunghi e ripetitivi reportage.

  3. elio vulpis ha detto:

    Con invidia, Bravi!!! Certo è un differente modo di navigare per novemila miglia ma è la dimostrazione che tutti hanno il diritto di sognare e se il budget è formato più da soldi che da audacia e coraggio non ha rilevanza, ognuno utilizza i mezzi ed i valori che possiede. Oltretutto potrebbero sempre telefonare al noto rampollo delle confezioni di tessuti, cui da tempo il Giornale della Vela dedica lunghi e ripetitivi reportage.

  4. Michele Satta ha detto:

    Ma si….
    Beati loro….
    Avercelo il tempo (oltre ai soldi)…

  5. Mimmo Nardella ha detto:

    Bravi, bella impresa per due che si dichiarano neofiti della vela. Complimenti, navigando si impara tantissimo. Sono sicuro che tutto andrà per il meglio. E comunque per andare a vela, oltretutto con una barca non proprio recente, non vedo questioni di budget. Spenderanno meno che stare a terra tra ristoranti, feste, aperitivi e vestiti firmati.
    Buon Vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi