Registro Telematico centrale delle barche al via dal 14 marzo, ecco come funziona


Fino ad oggi, la “chimera” dei diportisti era il fantomatico Registro Telematico Centrale della nautica da diporto.
Tutti ne parlavano, ma nessuno sapeva quando in realtà sarebbe entrato in vigore. Dopo tre anni in cui le associazioni di categoria, guidate da Ucina Confindustria Nautica, hanno letteralmente sudato sette camicie per fare pressione sul Governo, il 14 marzo diverrà finalmente effettivo. Questa volta, per davvero: è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana il Decreto Legislativo di regolamento per l’attuazione.

TUTTO PIU’ SEMPLICE
Cosa significa tutto questo? Che a partire da marzo i registri di iscrizione delle unità da diporto immatricolate, fino ad ora cartacei e conservati gelosamente dalle Capitanerie in 104 registri separati e non dialoganti tra loro, verranno progressivamente digitalizzati e quindi resi facilmente accessibili e fruibili da tutti. Proprio come avviene nel mondo delle auto. Inoltre, partirà la digitalizzazione del rilascio dei documenti di navigazione, che per le unità nuove sarà operativa da gennaio 2020.

LO SPORTELLO DEL DIPORTISTA
Il testo prevede, inoltre, la devoluzione delle competenze di conservatoria a un’unica autorità centrale competente su tutto il territorio nazionale, e l’istituzione di sportelli telematici del diportista (STED)vere e proprie agenzie dislocate su tutto il territorio nazionale e in collegamento telematico con la banca dati centrale – al servizio degli utenti per tutte le operazioni di iscrizione e cancellazione delle unità da diporto nei relativi registri e il rilascio dei documenti di navigazione.

BASTA CONTRASSEGNI CARTACEI
Al contempo, il testo prevede la dematerializzazione dei contrassegni relativi ai contratti di assicurazione per la responsabilità civile verso i terzi per i danni derivanti dalla navigazione delle unità da diporto e la loro sostituzione con la comunicazione telematica dei relativi dati all’ATCN (Archivio telematico centrale delle unità da diporto del Dipartimento per i trasporti, la navigazione, gli affari generali ed il personale del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti), in parziale analogia con quanto previsto per il settore delle assicurazioni RCA.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE, TEST & CANTIERI


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Registro Telematico centrale delle barche al via dal 14 marzo, ecco come funziona”

  1. Paolo Maria Ciriani

    c’è un piccolo problema : la mia barca non è immatricolata ma devo cmq assicurarla : come e dove registrano la mia RC+carta verde ? se vado all’estero dovrò comunque avere il cartaceo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Ice 62 Targa (17m), la sportiva che si veste da blue water

Al Cannes Yachting Festival erano numerose le anteprime mondiali lanciate dai cantieri del settore vela. A rispondere presente all’appello delle novità è stato anche Ice Yachts, che ha lanciato un aggiornamento del suo 62 piedi, ovvero l’Ice 62 Targa, un

Torna su