Il Costa Rica si “scopre” paese ultrainquinante e i suoi abitanti raccolgono 30 tonnellate di plastica in otto ore!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Trenta tonnellate di plastica raccolte in solo otto ore. La protagonista del nuovo Guinness World Record è stata la piccola nazione del Costa Rica, stato centroamericano affacciato sulle acque dell’Oceano Pacifico e sul Mare Caraibico: lo scorso 7 dicembre i suoi abitanti sono riusciti a raggiungere questo strabiliante primato (strappando il record all’India, precedente detentrice, che nel medesimo lasso di tempo aveva raggiunto la somma di 23 tonnellate). Dopo essere stata raccolta, l’enorme quantità di plastica è stata pesata con bilance elettroniche e per garantire la trasparenza dell’operazione è stato filmato l’intero procedimento.

Da un lato c’è il bell’esempio, che ci mostra come sia ancora possibile, rimboccandosi le maniche e mobilitandosi in massa, salvaguardare il nostro pianeta. Dall’altro l’allarme per il livello di inquinamento ambientale raggiunto, soprattutto da plastica.

PICCOLI E INQUINANTI
Nonostante le sue ridotte dimensioni, secondo le stime del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP),  il Costa Rica occupa il terzo posto su scala mondiale per la produzione di materiali plastici. Delle 550 tonnellate prodotte giornalmente, però, solo il 9% è destinato ad essere riciclato, contro un 91% che viene disperso nella acque e nelle terre nazionali: terre che ospitano oltre mezzo milione di specie animali, rappresentanti il 4% della biodiversità del pianeta, in soli 0,03% della superficie terrestre. Un angolo di paradiso terrestre, minacciato dalla negligenza umana.

QUANDO GOVERNO E CITTADINI LAVORANO ASSIEME
Sono questi i dati che hanno portato alla mobilitazione dell’associazione Ecolones, una piattaforma digitale nata la primavera precedente con lo scopo di incentivare opere di riciclaggio in cambio di denaro virtuale o crediti. Come la stessa direttrice dell’associazione, Karla Chaves, ha affermato “Questo è il risultato di un lavoro approfondito e di una stretta collaborazione tra alleati, pubblici e privati, preoccupati per la corretta gestione dei rifiuti.” Di fatto il gesto è stato sostenuto direttamente dai Ministeri della Salute, dell’Ambiente  e dell’Energia, che in aggiunta hanno dichiarato di voler entro il 2021 eliminare tutte le plastiche monouso, sostituendoli progressivamente con materiali biodegradabili.

In una congiunta dichiarazione, affermano i ministri che hanno preso parte all’iniziativa: “Non sarà facile, e il governo non potrà operare da solo….sarà necessaria la guida e la partecipazione di tutti: donne, uomini, bambini e bambine”. Un obiettivo ambizioso ma che potrebbe segnare una svolta definitiva nell’ecosistema del paese, rendendo la Costa Rica un modello da imitare per la tutela dell’ambiente. Prendiamo spunto!

Elettra Poggi

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE
Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com. www.medplastic.org

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Il Costa Rica si “scopre” paese ultrainquinante e i suoi abitanti raccolgono 30 tonnellate di plastica in otto ore!”

  1. Non so da dove vengono queste fonti, io ho passato un mese girando tutta la Costa Rica non ho viosto plastica in nessuna spiaggia ne dalla parte del Pacifico ne dalla parte dei Caraibi. Per dire la verità l’ho trovato pulitissimo e ordinando tanto que sto’ pensando di trasferirmi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su