Missione compiuta! Giovanni Soldini e Maserati primi sul traguardo (con record) alla RORC Caribbean

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Missione compiuta per Giovanni Soldini e il suo equipaggio. Alle ore 20.49 di martedì 19 febbraio ora locale (00.49 di mercoledì 20 febbraio UTC) Maserati Multi 70 ha tagliato per prima il traguardo (aggiudicandosi così la Line Honours Multihull e stabilendo il nuovo record della regata: un giorno, sei ore e 49 minuti) dell’undicesima edizione della RORC Caribbean 600. La regata che parte e finisce ad Antigua, si snoda lungo un percorso di 600 miglia che arriva a Nord fino all’isola di Saint Martin e a Sud fino a Guadalupa, passando intorno a 11 isole, tra cui Barbuda, Nevis, Saba e Saint Barth, organizzata dal Royal Ocean Racing Club.


L’EQUIPAGGIO DI MASERATI

A bordo del trimarano italiano, lo skipper Giovanni Soldini era accompagnato da un equipaggio di 7 esperti velisti: gli italiani Vittorio Bissaro (tattico), Guido Broggi (randista), Nico Malingri e Matteo Soldini (entrambi grinder e tailer); gli spagnoli Carlos Hernandez Robayna (tailer) e Oliver Herrera Perez (prodiere); il francese Claude Thélier (tailer).

PRIMI NONOSTANTE UN’AVARIA
Dopo un combattutissimo testa a testa con il MOD 70 americano Argo lungo le ultime 30 miglia dall’arrivo, Maserati Multi 70 ha terminato la regata al meglio, nonostante avesse subito un danno piuttosto importante: si era rotta la cerniera che tiene il solent (la vela di prua principale) sul cavo antitorsione che gli permette di avvolgersi. Aveva detto Soldini: “Non possiamo usare il solent da qualche ora. Con tanto vento e tanta onda è un bel macello, ma ci stiamo lavorando e pensiamo di riuscire a fare una riparazione di fortuna”. Ma è andato tutto liscio. Argo invece ha tagliato il traguardo alle 20.56 04″ locali, 7 minuti dopo Maserati Multi 70.


Maserati Multi 70 (21,20 metri in lunghezza e 16,80 in larghezza)
e il MOD 70 americano Argo, con skipper Jason Carroll, sono partiti da Fort Charlotte, Antigua, alle 14 ora locale (18 UTC e 19 ora italiana) di lunedì 18 febbraio, e hanno gareggiato nella classe Multi/MOD 70, creata esclusivamente per i due trimarani.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI REGATE & SPORT


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Ci

Torna su