Golden Globe Race: il combattente Slats secondo con onore

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

L’olandese Mark Slats, a bordo del suo Rustler 36, la barca gemella del vincitore Jean Luc Van den Heede (Leggi QUI), ha terminato al secondo posto la Golden Globe Race con il tempo di 214 giorni, 12 ore e 18 minuti, al quale vanno aggiunte le 36 ore di penalità per l’uso ritenuto non lecito dall’organizzazione del telefono satellitare (Leggi QUI).

41 anni, nato in Australia ma trasferitosi all’età di 8 anni in Olanda dove ha preso la nuova nazionalità, un passato da combattente di kick boxing, ha già alle spalle un giro del mondo ed era fin dalla vigilia uno dei concorrenti più seriamente accreditati per la vittoria della regata.

Dopo Slats sono attesi a Les sables, ma in tempi decisamente lunghi, l’estone Uku Randmaa, il cui arrivo è previsto intorno al 5 marzo, lo statunitense Istvan Kopar dopo metà marzo, eil finlandese Tapio Lehtinen che tra una settimana potrebbe doppiare Capo Horn.

Il tracking del Golden Globe QUI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Omicidio nautico

Omicidio nautico, presto sarà legge. Ecco le pene

Omicidio nautico, presto il reato sarà legge. Il Senato ha approvato nella seduta n.34 del 31 Gennaio 2023, quasi all’unanimità, la procedura abbreviata per l’approvazione del disegno di legge atto a introdurre il reato di omicidio nautico. Ecco di cosa

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Torna su