GALLERY C’è un fotografo italiano che gira il mondo a caccia di relitti

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Duty of Memory è il nome della mostra che Stefano Benazzo dedica ai relitti di navi e barche. Un lavoro di fotografia in giro per il mondo durato oltre sei anni. Classe 1949, oltre essere stato ambasciatore d’Italia a Minsk e a Sofia, Benazzo ha sempre coltivato la sua passione per la fotografia. Oggi è un rinomato artista dell’obiettivo. Un estratto del suo lavoro è adesso visibile nella mostra personale al museo Rahmi M. Koç di Istanbul, aperta fino al 31 marzo, che raccoglie una selezione di 60 foto. I soggetti sono relitti di nave e barche scattati in giro per il mondo, là dove il destino li ha portati ad arenarsi al termine del loro ultimo viaggio.

L’artista posa accanto alle proprie sessanta opere esposte in attesa dei rappresentanti della stampa locale (credito: Bruno Cianci/RMK Museum)

“VOGLIO RIPORTARE IN VITA CHI VI HA NAVIGATO”
«Fotografo i relitti affinché essi possano ottenere la loro ultima occasione di esprimersi, grazie a delle immagini che portano in sé la vita dei marinai e la loro memoria; così i loro sogni rimangono vivi e continuano a esistere. Prestando attenzione ai resti di navi, io cerco di farle rivivere, riportando in vita chi vi ha navigato.

Illustrando ogni singola immagine della mia mostra a Rahmi Koç e agli altri ospiti, rispondendo alle numerose domande, ho visto ancora una volta i miei relitti prendere vita: era come se a parlare fossero gli uomini un tempo imbarcati», ha dichiarato.

“Duty of Memory” (Dovere di Memoria) è il titolo dell’esposizione delle foto che l’ex diplomatico ha realizzato in quattro continenti durante oltre sei anni di lavoro: Italia, Grecia, Portogallo, Islanda, Mauritania, Namibia, isole Turks & Caicos, Georgia del Sud, Cile e Falkland/Malvinas. «Sono onorato», dice Benazzo, «di essere stato invitato a esporre le mie fotografie in questo museo di trasporti in larga parte dedicato alla storia della nautica e della navigazione: non potevo sperare in una cornice più adatta per questa mostra, che si prefigge di diventare itinerante in Turchia».

UNA MOSTRA ITINERANTE
Tra giugno e ottobre, la raccolta troverà sede in un altro dei musei del magnate e filantropo Rahmi M. Koç ad Ankara e, forse, anche a Bursa, grazie al sostegno del console onorario d’Italia di quella città. Stefano Benazzo è ormai abituato alla ribalta delle mostre, nella sua carriera sono già 40 le personali e ben 16 sui relitti. «Per una fortunata coincidenza, anche se nulla avviene per caso», ha dichiarato, «io e Rahmi Koç ci siamo trovati in piena sintonia sull’esigenza di rispettare il “Dovere di memoria” nei confronti di chi ha creato, gestito, condotto le navi, i mezzi, le attrezzature che hanno permesso all’uomo di fare crescere le nostre civiltà.»

UN ASSAGGIO DEGLI SCATTI DI BENAZZO

Stefano Benazzo, armato di macchina fotografica, fa visita al relitto della nave Dimitrios, in Grecia (credito: Annika Barbarigos).

RELITTI DALLA LUNGA VITA
L’immagine utilizzata per la locandina è la medesima impressa sulla copertina del libro “Wrecks: Relitti” (Skira, 2017)
, vincitore di un premio Carlo Marincovich. Ritrae il rimorchiatore d’alto mare Samson, in armamento per 57 anni, di cui 45 anni alle Falkland, luogo in cui la foto è stata scattata; Samson ha scampato dal disastro molte navi e tratto in salvo centinaia di marittimi prima di essere radiata nel 1945.

Una foto di grande impatto visivo. Scattata malgrado i 40 nodi di aria che soffiavano quando Benazzo è arrivato su quei lidi e che impedivano al suo treppiede di rimanere in posizione. All’inaugurazione della mostra, sono intervenuti l’Ambasciatore d’Italia Massimo Gaiani ed Elena Sgarbi, Console generale d’Italia a Istanbul. Se la mostra ha avuto luogo è anche grazie al loro supporto e al contributo nel reperimento di due sponsor (Yapi Kredi e Organik Group).

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI GENTLEMAN & SKIPPERS

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

silvio berlusconi e gianni agnelli

Silvio Berlusconi e la vela. Non fu mai amore, solo status

Non fu mai vero amore quello tra Silvio Berlusconi, scomparso oggi a 86 anni, e la vela. Grande imprenditore, quattro volte presidente del Consiglio, nato piccolo borghese, con il sogno di diventare grande, fu sempre considerato un “parvenu” dal mondo

Registrati



Accedi