developed and seo specialist Franco Danese

Velista dell’Anno Hall of Fame | Marco Nannini, dall’alta finanza agli oceani (2012)

Barca vecchia, vita nuova! Dieci accessori imperdibili per “aggiornare” la vostra amata
21 gennaio 2019
TECNICA Come calcolare deviazione magnetica, scarroccio e deriva
22 gennaio 2019

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!


Il prossimo 30 gennaio torna il premio più prestigioso della vela italiana, il Velista dell’Anno, giunto alla sua 27esima edizione.
Anche in questo 2019 sarete voi a scegliere chi sarà il più grande (e tutti gli altri vincitori di “categoria”).

In realtà, potete cominciare a dire la vostra già da ora: come? Indicandoci il vostro candidato aggiungendolo al “sondaggione” che abbiamo creato nel nuovo gruppo facebook dedicato al Velista dell’Anno (GDV – Il Velista dell’Anno). Farlo è semplicissimo, basta cliccare “aggiungi opzione” in fondo al sondaggio (vedi foto a lato) e inserire il nominativo. Ben vengano anche le autocandidature!

Ma intanto, è giunto il momento di rivivere, anno dopo anno, le storie dei Velisti dell’Anno, dal 1991 ad oggi (QUI trovate l’albo d’oro completo).

MARCO NANNINI, DALL’ALTA FINANZA AGLI OCEANI
Nel 2012 il Velista dell’Anno fu assegnato a Marco Nannini, torinese, classe 1978: fu premiato “in contumacia”, in quanto all’epoca stava partecipando alla Global Ocean Race (giro del mondo a tappe in doppio): tra i suoi risultati di spicco sicuramente la vittoria della mitica Ostar (traversata atlantica da Plymouth a Newport in solitario) a bordo di un Sigma 36.

AVEVAMO SCRITTO DI LUI
Tratto da Il Giornale della Vela marzo 2012. Marco Nannini quattro anni fa si è messo in testa di partecipare a una regata attorno al mondo.Doppiare il capo di Buona Speranza e l’Horn, raggiungere le coste della Nuova Zelanda e del Sud America con una barca a vela: questo era il suo sogno. Non ha mai pensato di aggregarsi a un equipaggio, perché sin dall’inizio ha voluto essere l’unico regista del proprio destino, prendendosi tutto: gioie e sofferenze.

Ora sta partecipando alla Global Ocean Race, indubbiamente uno dei più faticosi giri del mondo, perché pur non disputandosi in solitario, ma con equipaggi di due sole persone, si affronta con i Class 40, barche di appena 12 metri di lunghezza, che poco hanno a che fare con gli ultramoderni 60 piedi (18 metri) dei navigatori solitari o con gli Open 70 (21 metri) della Volvo Ocean Race. Ma, per Marco Nannini, il mezzo con il quale raggiungere il proprio obiettivo non è mai stato un fattore primario…

LEGGI QUI TUTTA LA STORIA DI MARCO NANNINI

 

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – ALESSANDRO DI BENEDETTO (2011)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – PIETRO SIBELLO (2010)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO MATTEO MICELI (2008)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – VINCENZO ONORATO (2007)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – GABRIO ZANDONA’ (2004)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – FLAVIO FAVINI (2003)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – LORENZO BRESSANI (2002)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – VASCO VASCOTTO (2000)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – PAOLO CIAN (1999)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – TOMMASO CHIEFFI (1998)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – ALESSANDRA SENSINI (1997, 2001, 2005, 2009)

LA STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – FRANCESCO DE ANGELIS (1996)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – GIOVANNI SOLDINI (1995)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – ROBERTO FERRARESE (1994)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – PAUL CAYARD (1993)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – GIORGIO ZUCCOLI (1991/92)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi