Scarpa da barca-story: come la zampa di un cagnolino rivoluzionò il mondo della vela

scarpaNell’inverno del 1935, a New Haven, in Connecticut, fa un freddo polare, tutto è coperto di neve. Un uomo porta a spasso il suo cane, Prince, un arzillo Cocker Spaniel che scorrazza sul ghiaccio senza difficoltà. “Come farà a non scivolare?”, si domanda l’uomo. Di primo acchito ipotizza che le unghie dell’animale si conficchino nel terreno come i chiodini sotto le scarpe di un corridore. Poi osserva da vicino le zampe di Prince e scopre che non è così.

I polpastrelli presentano una zigrinatura: che sia quello il segreto? L’uomo non è un signore qualsiasi, si chiama Paul Sperry: sta cercando da tempo la soluzione per far sì che le sue scarpe da barca non scivolino sul bagnato. Lui stesso ha rischiato grosso, qualche anno prima, quando per poco non cadeva in mare dalla sua barca di famiglia, lo schooner Sirocco.

Corre in fretta e furia nel suo laboratorio, prende un pezzo di gomma grezza spessa un quarto di pollice (circa 0,6 cm) e con un rasoio realizza a mano delle sottili incisioni parallele, imitando quelle viste sui polpastrelli del suo cane. Testa questa rudimentale suola su un pezzo di metallo bagnato e scopre che l’attrito è aumentato. Se la pressione sulla suola viene esercitata nella stessa direzione dei tagli, però, la suola scivola via. Sperry capisce subito che basta inciderla a zig zag. Questa volta la tenuta è perfetta. Paul ha un luccichio negli occhi.

Grazie al suo Cocker Spaniel, ha inventato la prima suola anti-scivolo nella storia della navigazione. Quella che ancora oggi (pur con alcune innovazioni tecnologiche) permette alle Sperry Authentic Original (A/O), che sono diventate un’icona di stile nel mondo dello yachting, di rimanere “ancorate” a bordo.

“In realtà”, racconta Gabriele Traversi di Sperry Italia, “le prime scarpe prodotte da Sperry furono le Top Sider, delle vere e proprie ‘sneaker’ ante-litteram, indossate tra gli altri da John Fitzgerald Kennedy, Paul Newman e persino, anni dopo, dalla band punk Ramones”. Le Authentic Original (sopra ve ne raccontiamo tutti i segreti) nacquero tra il 1935 e il 1937: il mocassino in cuoio vestì presto tutti gli yachtsman della “upper-class” americana, fu scelto come calzatura ufficiale della Marina, dopo la guerra arrivò in Europa e divenne a tutti gli effetti un capo imprescindibile per chi si vestiva “preppy”, ispirandosi allo stile importato dai college e dai favolosi anni ’60. La scarpa fece scuola, tanto che tutti i più grandi marchi di abbigliamento iniziarono a produrne di molto simili. E tutt’oggi la scarpa da barca tipo Sperry è ua presenza costante ai piedi dei velisti, complici la sua eleganza e versatilità: alzi la mano chi non ne ha mai posseduto un paio.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Ice 62 Targa (17m), la sportiva che si veste da blue water

Al Cannes Yachting Festival erano numerose le anteprime mondiali lanciate dai cantieri del settore vela. A rispondere presente all’appello delle novità è stato anche Ice Yachts, che ha lanciato un aggiornamento del suo 62 piedi, ovvero l’Ice 62 Targa, un

Torna su