developed and seo specialist Franco Danese

Velista dell’Anno Hall of Fame | Lorenzo Bressani, il grande “Rufo” (2002)

Il Britannia rinasce ancora e sogna la Coppa America
12 gennaio 2019
Velista dell’Anno Hall of Fame | Flavio Favini, il fuoriclasse (2003)
13 gennaio 2019


Il prossimo 30 gennaio torna il premio più prestigioso della vela italiana, il Velista dell’Anno, giunto alla sua 27esima edizione.
Anche in questo 2019 sarete voi a scegliere chi sarà il più grande (e tutti gli altri vincitori di “categoria”).

In realtà, potete cominciare a dire la vostra già da ora: come? Indicandoci il vostro candidato aggiungendolo al “sondaggione” che abbiamo creato nel nuovo gruppo facebook dedicato al Velista dell’Anno (GDV – Il Velista dell’Anno). Farlo è semplicissimo, basta cliccare “aggiungi opzione” in fondo al sondaggio (vedi foto a lato) e inserire il nominativo. Ben vengano anche le autocandidature!

Ma intanto, è giunto il momento di rivivere, anno dopo anno, le storie dei Velisti dell’Anno, dal 1991 ad oggi (QUI trovate l’albo d’oro completo).

IL GRANDE RUFO
Lorenzo Bressani, “Rufo” per gli amici, triestino, classe 1973. E’ davvero un velista fortissimo che ha quasi rischiato di vincere il World Sailor of the Year messo in palio dall’ISAF (la Federvela Internazionale, oggi World Sailing), per un’impresa che resterà negli annali della vela: tre titoli mondiali, tra Melges 24 e 32 in meno di un anno, tra il 2010 e il 2011. Noi ad ogni modo lo avevamo eletto Velista dell’Anno in “tempi non sospetti”, nel 2002.

LA STORIA DI RUFO
La storia di Rufo inizia nel modo più classico per un triestino, con i primi corsi di Optimist a 7 anni (ma va in barca da quando ne aveva 5). Nel 1983 si affaccia nel mondo delle regate con la Società Velica Barcola e Grignano, man mano che cresce “bazzica” con successo 470, Farr 40, IMS, IRC, ORC, J/22, J/24, Melges 24, Farr 30, Platu 25, Melges 32, RC 44, Melges 20.

Il primo mondiale importante arriva nel 2003, quando Bressani è iridato tra i J/24 a Medemblik, in Olanda. Due anni dopo in Germania conquista la vittoria al Mondiale IMS 600, nel 2008 trionfa al Mondiale Melges 24 di Porto Cervo. La consacrazione definitiva viene però, come anticipato, tra il 2010 e il 2011: tris di vittorie, iniziato con il titolo iridato a Tallin nell’agosto del 2010 tra i Melges 24, proseguito con quello nei Melges 32 a San Francisco nel settembre dello stesso anno e concluso con la vittoria del Mondiale Melges 24 di Torquay nel maggio del 2011. Nel suo palmares si contano 9 titoli mondiali, 7 europei e 15 italiani in varie classi.

Velista poliedrico e instancabile, ha avuto anche la forza di mettersi in discussione nelle classi olimpiche con il Nacra 17, prima con Giovanna Micol (ex prodiera di Giulia Conti) poi con Caterina Marianna Banti, con la quale sta facendo molto bene a livello internazionale.

LEGGI QUI TUTTA LA STORIA DI LORENZO BRESSANI

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – VASCO VASCOTTO (2000)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – PAOLO CIAN (1999)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – TOMMASO CHIEFFI (1998)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – ALESSANDRA SENSINI (1997, 2001, 2005, 2009)

LA STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – FRANCESCO DE ANGELIS (1996)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – GIOVANNI SOLDINI (1995)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – ROBERTO FERRARESE (1994)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – PAUL CAYARD (1993)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – GIORGIO ZUCCOLI (1991/92)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi