developed and seo specialist Franco Danese

Velista dell’Anno Hall of Fame | Francesco De Angelis, il “Barone” (1996)

Le barche in vetroresina? Demolite, serviranno per… costruire case
7 gennaio 2019
CONOSCERE I venti dominanti nei nostri mari (e le loro caratteristiche)
8 gennaio 2019


Il prossimo 30 gennaio torna il premio più prestigioso della vela italiana, il Velista dell’Anno, giunto alla sua 27esima edizione.
Anche in questo 2019 sarete voi a scegliere chi sarà il più grande (e tutti gli altri vincitori di “categoria”).

In realtà, potete cominciare a dire la vostra già da ora: come? Indicandoci il vostro candidato aggiungendolo al “sondaggione” che abbiamo creato nel nuovo gruppo facebook dedicato al Velista dell’Anno (GDV – Il Velista dell’Anno). Farlo è semplicissimo, basta cliccare “aggiungi opzione” in fondo al sondaggio (vedi foto a lato) e inserire il nominativo. Ben vengano anche le autocandidature!

Ma intanto, è giunto il momento di rivivere, anno dopo anno, le storie dei Velisti dell’Anno, dal 1991 ad oggi (QUI trovate l’albo d’oro completo).

LA VOLTA DEL “BARONE”
Quando Francesco De Angelis venne eletto Velista dell’Anno 1996, il meglio doveva ancora venire. Così avevamo scritto: “
Francesco De Angelis, 35 anni di Napoli ma residente a Milano, è il Velista dell’Anno 1996. Il prestigioso Timone d’Oro, che Il Giornale della Vela assegna annualmente al timoniere italiano che più si è distinto nell’arco della stagione agonistica appena conclusa, gli è stato consegnato nella tradizionale premiazione“. 

LA LUNGA CARRIERA IN COPPA AMERICA
La celebrità per il flemmatico velista napoletano (lo chiamano “il Barone”) arriverà in qualità di timoniere di Luna Rossa nella fortuna campagna di Coppa America 2000, quando, dopo aver vinto la Louis Vuitton Cup (a proposito, De Angelis è stato l’unico timoniere non anglosassone a riuscire nell’impresa) ci ritrovammo in finale contro gli imbattibili kiwies capitanati da “quell’antipatico” di Russell Coutts e dal compianto Peter Blake. Francesco De Angelis e l’equipaggio del “Silver Bullet” (proiettile d’argento, così era stata soprannominata Luna Rossa) ci tennero svegli per notti e notti, a seguire le appassionanti regate di Coppa.

Nella campagna della XXXI America’s Cup del 2003, sempre al timone di Luna Rossa il Barone ha raggiunto le semifinali, dovendosi arrendere a One World. Nel 2007 partecipa con nuovamente con Luna Rossa alla XXXII America’s Cup, raggiungendo di nuovo la finale della Louis Vuitton Cup dopo aver sconfitto per 5 a 1 BMW Oracle Racing. In finale Luna Rossa deve arrendersi alla supremazia di Team New Zealand che, la storia si ripete, la sconfigge per 5 vittorie a 0…

SCOPRI TUTTA LA STORIA DI FRANCESCO DE ANGELIS

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – GIOVANNI SOLDINI (1995)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – ROBERTO FERRARESE (1994)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – PAUL CAYARD (1993)

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – GIORGIO ZUCCOLI (1991/92)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi