developed and seo specialist Franco Danese

Velista dell’Anno Hall of Fame | Paul Cayard, il “baffo d’oro” (1993)

Il Signature 510 diventa D Light: ecco la versione high-tech del cat Privilege
4 gennaio 2019
Pesca: proviamo il light drifting invernale con i consigli di Antonello Salvi
5 gennaio 2019


Il prossimo 30 gennaio torna il premio più prestigioso della vela italiana, il Velista dell’Anno, giunto alla sua 27esima edizione.
Anche in questo 2019 sarete voi a scegliere chi sarà il più grande (e tutti gli altri vincitori di “categoria”).

In realtà, potete cominciare a dire la vostra già da ora: come? Indicandoci il vostro candidato aggiungendolo al “sondaggione” che abbiamo creato nel nuovo gruppo facebook dedicato al Velista dell’Anno (GDV – Il Velista dell’Anno). Farlo è semplicissimo, basta cliccare “aggiungi opzione” in fondo al sondaggio (vedi foto a lato) e inserire il nominativo. Ben vengano anche le autocandidature!

Ma intanto, è giunto il momento di rivivere, anno dopo anno, le storie dei Velisti dell’Anno, dal 1991 ad oggi (QUI trovate l’albo d’oro completo).

L’UNICO VELISTA DELL’ANNO NON ITALIANO
Nel 1992 l’avventura del Moro di Venezia cambiava per sempre la percezione della vela in Italia. Da sport per pochi, a oggetto di discussione nei bar: mentre i ragazzi di Raul Gardini (QUI e QUI vi abbiamo raccontato la sua storia) si preparavano alla finale di Coppa America contro gli yankees dopo la vittoria della Louis Vuitton Cup, tra un caffé e una grappa si parlava di strambate e bompressi, anziché di calcio e macchine. Purtroppo gli americani vinsero 4-1, ma Il Moro di Venezia resta l’unica barca italiana, ad oggi, ad aver vinto una regata in Coppa America. Al timone del sindacato italiano c’era… un americano. Il baffo più famoso della vela. Paul Cayard. Fu abbastanza scontato, nel 1993, assegnare il Velista dell’Anno all’uomo simbolo del Moro di Venezia.

PERCHE’ LO AVEVAMO PREMIATO
Tratto da Il Giornale della Vela del marzo 1993: “Per restare agli ultimi due anni: nel ’91 il titolo mondiale AICC con Moro 3 e quello dei 50 piedi con Abracadabra. Nel ’92 la Vuitton Cup e la finale dell’America’s Cup contro America 3 e poi, il terzo posto al mondiale Star, titolo che aveva vinto nel 1990”.

LEGGI QUI TUTTA LA STORIA DI PAUL CAYARD

LE STORIE DEI VELISTI DELL’ANNO – GIORGIO ZUCCOLI (1991/92)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.