Addio vacanze in Grecia? La tassa barca arriva anche là (ed è salata)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Addio vacanze in Egeo, addio isolette sperdute nelle Sporadi, addio moussaka? Se ne parlava da anni, ora la tassa di stazionamento per le barche, in Grecia, è realtà. Di fatto, il famigerato “modello Monti” – una follia, è bene ricordarlo, che causò a suo tempo la fuga di barche dalle nostre coste, e un calo dell’indotto molto superiore al gettito generato dalla tassa – è stato esportato nelle acque greche. Sarebbe dovuta entrare in vigore in questi giorni, ma l’intervento della Cruising Association ha fatto sì che il limite per il pagamento sia stato spostato al 2 aprile del 2019.

La tassa barca dovrà essere pagata sia dalle barche battenti bandiera nazionale che estera. Quindi i tanti diportisti italiani che hanno deciso di tenere la barca in Grecia (molti la charterizzano per ammortizzare i costi di ormeggio nei periodi di inutilizzo) dovranno mettere mano al portafoglio.

Quanto? Sino ai 12 metri di lunghezza l’importo da versare è relativamente basso: un otto metri dovrà sborsare 192 euro annui, un 10 metri 300, un 12 poco meno di 400. La cifra sale considerevolmente per le barche di oltre 12 metri, ovvero quelle che per i greci non rientrano più nella cosiddetta “nautica popolare”: si parla di 8 euro al metro per mese. Quindi, l’armatore di un 15 metri dovrà tirar fuori, in teoria fino a 1.440 euro. Cifre molto alte, ma, come vedremo di seguito, ci sono degli sconti e sgravi.

I PROBLEMI
Ma c’è un grandissimo problema: la tassa – e questo è davvero incomprensibile – può essere pagata solamente, per adesso, presso l’autorità portuale greca: quindi o andate in Grecia a pagare, o avete una persona di fiducia che possa effettuare il pagamento per voi in loco, o vi multeranno per il mancato pagamento. In realtà la registrazione della barca e il pagamento della tassa potrebbero essere effettuati on line, ma il sito dedicato www.aade.gr è in greco e non sembra essere aggiornato in modo tale da consentire l’operazione.

E se decidete di fare le vacanze in Grecia con la vostra barca partendo dall’Italia? Dovrete comunque pagare: nel primo porto greco, dovrete mettervi in regola sborsando la cifra per il periodo in cui navigherete in acque greche (la cifra minima è relativa a un mese).

GLI SCONTI
Se si tiene la barca a terra, e lo si comunica all’autorità portuale di riferimento, non si paga la tassa per tutto il periodo in cui l’imbarcazione è effettivamente a terra. Se si paga anticipatamente l’anno di stazionamento, verrà applicato uno sconto del 10%. Se le barche entrano per la prima volta in Grecia, e decidono di starci l’anno intero, pagheranno una cifra scontata del 25% (il famoso 15 metri, quindi, pagherà 1.1152 euro).

La speranza è che si riesca a far slittare ulteriormente in avanti nel tempo il limite di tempo per il pagamento, ma le voci di banchina, putroppo, sembrano indicare che si sia arrivati al dunque. Come i croati, pare che anche i greci non abbiano studiato a fondo le ripercussioni negative della “tassa Monti”…

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI PORTI E ORMEGGI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Speciale Porti 2024

Porti italiani. Questa è la top 20 del 2024

Con un totale di oltre 112mila posti barca l’Italia si conferma una destinazione top per il turismo nautico europeo e mondiale. Ma se dalla quantità si passa alla qualità dell’offerta di “accoglienza” sul mare, si scopre che sono solo 88

Registrati



Accedi