TECNICA – Come disormeggiarsi all’inglese senza l’aiuto di nessuno

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>


Non ci stancheremo mai di ripeterlo, se navigate con un equipaggio ridotto o alle prime armi, dovete ragionare come navigatori solitari. Questo è il concetto che abbiamo deciso di portare avanti nella rubrica a cura dell’esperto skipper Luca Sabiu: se non potete contare che su voi stessi, a bordo di una barca a vela, dovrete eseguire manovre semplici che si basano su gesti studiati e collaudati. Senza mai agitarsi, perché trasmettere paura all’equipaggio peggiorando la situazione. Oggi vediamo come disormeggiarsi all’inglese senza l’aiuto di nessuno.

MOLLARE GLI ORMEGGI ALL’INGLESE DA SOLI
In questo caso la manovra che vi spiego è stata eseguita con uscita di poppa, ma ovviamente se non ci sono impedimenti particolari, come la presenza di altre barche, è molto più comoda l’uscita con l’allontanamento della prua dalla banchina perché non dovrete andare a prua a liberare lo spring ma lo potete liberare direttamente senza spostarvi dal pozzetto.


1. Quando la barca è ancora ormeggiata, sistemate uno o più parabordi a prua nel punto estremo della barca.


2. Riposizionate le cime liberando quella di poppa e creando uno spring dalla galloccia di prua a una bitta in banchina all’altezza di metà della barca.


3. Accendete il motore, poi marcia avanti e timone scontrato verso la banchina. In questo modo la poppa si allontanerà dalla banchina creando un angolo sufficientemente ampio da permettervi di allontanarvi dalla poppa e avere il tempo necessario per andare a prua a liberare lo spring.

4. “Cogliete l’attimo” e mettete in folle per poi andare a prua a liberare lo spring.

5. Tornate a poppa e mettete marcia indietro riportando il timone al centro. In questo modo anche la prua si allontanerà dalla banchina e avrete completato il disormeggio

CHI E’ LUCA SABIU

Luca Sabiu, 43 anni, è milanese di nascita e “cittadino del mare per adozione dall’età di 5 anni”. Comandante navi da diporto, istruttore con più di 200 allievi all’attivo, professionista oceanico e navigatore solitario da tempo in prima linea per la sensibilizzazione alla sicurezza in mare. Collabora con la Scuola Nautica Vivere la Vela, a capo del team d’eccellenza Mastersail: i suoi corsi di formazione alla navigazione d’altura sono un’esperienza unica a 360°.

www.viverelavela.com

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA E ACCESSORI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Quanto

VIDEO – Manovrare in spazi ristretti

Manovrare in spazi ristretti è il tema del nono  video-episodio di Scuola di VELA, in cui scopriamo quali siano i trucchi per districarsi nei canali dei porti affollati, in cui apparentemente, non c’è abbastanza spazio per girare la propria barca

I migliori accessori da barca - Come rinnovare la strumentazione nel 2023

Elettronica di bordo: ecco come migliorarla nel 2023

I migliori Accessori da barca – Come rinnovare l’elettronica di bordo nel 2023 Scegliere la strumentazione giusta da installare a bordo è un’operazione importante non solo per chi acquista una barca nuova. Chi compra un usato, anzi, dovrà tarare la

Torna su