Coppa America: ecco il quinto sfidante, il ritorno del mito Stars&Stripes

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Lo abbiamo detto fin dall’inizio, la Coppa America di Auckland ha tutta l’aria e l’intenzione di rispolverare i vecchi fasti. Forse sarà il ritorno in Nuova Zelanda, o la ventata di aria nuova di una gestione finalmente più equa, ma sembra proprio che l’edizione del 2021 abbia gli ingredienti giusti per offrire qualcosa di memorabile. Il quinto sfidante porta infatti con se un nome mitico, iconico, un nome che porta con se l’epopea stessa della Coppa America: Stars&Stripes è il quinto sfidante dell’America’s Cup, lo skipper sarà lo specialista di match race Taylor Canfield, in un sindacato che vede nelle posizioni di vertice anche il velista americano Mike Buckley.

Canfield e Buckley

Lo Yacht Club che ha lanciato la sfida è, dalla California, il Long Beach Yacht Club. Il CEO del team sarà Justin Shaffer, con una carriera nella Major League Baseball e Facebook ed esperienza nei TP52, è il CEO del team e sarà affiancato da Tod Reynolds, che ha diretto l’America’s Cup World Series di Chicago nel 2016.

La benedizione arriva direttamente da “sua maestà” Big Bad Dennis Conner, ovvero Mr America’s Cup. Stars&Stripes è un nome che evoca l’epoca gloriosa della Coppa, un’epoca che pare proprio stia per tornare. Un nome che ha fatto la storia della Coppa per decenni e che per la vela americana significa molto, portando con se gloriose vittorie.  “Il nostro nome è un cenno alle campagne di Dennis Connor” Stars & Stripes “che ha portato equipaggi 100% a stelle e strisce nell’America’s Cup per decenni. Siamo la prossima generazione “, ha dichiarato Mike Buckley. “Abbiamo iniziato ad assemblare il nostro team e annunceremo presto ulteriori dettagli. È stato il mio obiettivo professionale competere nell’America’s Cup per tutta la vita e sono fiducioso che saremo molto competitivi nel 2021 ad Auckland. ” ha detto Canfield.

Per accorciare i tempi Stars&Stripes ha acquistato un pacchetto base progettuale da Team New Zealand e ha già iniziato a costruire l’AC75 nel Michigan, sotto la guida dell’americano JB Braun come capo del deisgn team, una figura già cruciale nelle sfide di Oracle.

Con Stars&Stripes e American Magic sono adesso due gli sfidanti americani, più Luna Rossa (LEGGI QUI la nostra intervista a Max Sirena), Altus e Ineos Team UK. Quella che si prospetta insomma è una Coppa di altissimo livello.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su