developed and seo specialist Franco Danese

Microplastiche, agire oggi o morire domani?

Sta nascendo una nuova stella, il suo nome è Ice 70
10 dicembre 2018
budelli
Protegge gratis l’isola di Budelli dai cafoni e dalla spazzatura: lo vogliono cacciare
11 dicembre 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!


La biologa marina e nostra collaboratrice Camilla Parenti dell’università Statale di Milano, è stata pochi giorni fa a un importante forum internazionale riguardante la situazione delle microplastiche nel mare: ci ha mandato un sintetico report e alcune foto preoccupanti.

Lanzarote ha ospitato la Conferenza Internazionale ‘Micro 2018’ dove si discutono e presentano circa 500 articoli sul tema della plastica, proposti da circa 1.500 ricercatori provenienti da tutto il mondo.

Il Cabildo de Lanzarote, attraverso la sua Riserva della Biosfera, e la rete di ricercatori Marine Sciences For Society organizzano l’incontro in cui i 600 partecipanti della comunità scientifica internazionale che si trovano sull’isola, rinnoveranno l’impegno dell’ultima Conferenza Internazionale del 2016 dove è stata preparata la ‘Dichiarazione di Lanzarote’, per continuare ad analizzare le cause, gli effetti e soprattutto le soluzioni a questo problema globale.

 

Durante la settimana, sono stati condivisi circa 460 articoli proposti da più di 1.500 ricercatori provenienti da tutto il mondo, che permetteranno un progresso dettagliato e collaborativo sullo stato attuale delle conoscenze, individuando le responsabilità e costruendo soluzioni per affrontare il grave problema globale rappresentato dalla presenza di microplastiche in tutti gli angoli del mondo.

Sono stati esposti anche 175 grafici che illustrano questi studi e il problema della microplastica.

Nel 2016, la comunità scientifica riunita ha già mostrato una “diagnosi preoccupante” e ha espresso il suo massimo interesse a migliorare la comprensione del problema, la grandezza delle sue cause e dei suoi effetti. Oggi la situazione non è migliorata anzi, continua Camilla. Anche se rimangono molte incognite, l’opinione pubblica internazionale è già consapevole dell’ubiquità della plastica sul pianeta e dell’opportunità di prevenire il degrado degli ecosistemi interessati. “Come per i cambiamenti climatici, la situazione allarmante è strettamente legata all’attività umana”, dicono dal palco. La responsabilità di ridurre l’impatto dannoso sulla salute pubblica di alcuni additivi, associato alle conoscenze accumulate su altri tipi di impatto a livello chimico e meccanico, fanno sì che i partecipanti a MICRO 2018 si uniscano alla sfida di ridurre l’impronta plastica per migliorare la qualità della vita in diversi ecosistemi, compresa la salute umana.

Ecco alcuni importanti link:

http://www.cabildodelanzarote.com/tema.asp?sec=Noticias&idTema=17&idCont=21894

https://www.facebook.com/Aguitaconelplastico/

https://www.youtube.com/watch?v=2v2-EEmvdqE

https://twitter.com/PlasticoCero

 

Sostieni Medplastic: abbonati a Vela e diventa membro

QUI POTETE SOTTOSCRIVERE L’ABBONAMENTO MEDPLASTIC E SALVARE IL MEDITERRANEO

ENTRA NELLA COMMUNITY FACEBOOK DI MEDPLASTIC

TEMPO DI AGIRE Time to Take Action (tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il progetto del Giornale della Vela e di Barche a Motore per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, lì potete postare notizie, progetti, fotodenunce, video. Partecipate poi al contest Instagram NO Plastic (mandando una foto alla nostra inbox instagram – @giornaledellavela – o sul gruppo facebook Medplastic Team: premieremo le migliori testimonianze al VELAFestival 2019. In più, se avete progetti strutturati da proporre che pensate possano essere utili alla “causa”, mandate una mail a savethemed@gmail.com. www.medplastic.org

CHE COSA E’ MEDPLASTIC
Medplastic è un progetto fortemente voluto dal Giornale della Vela e da Barche a Motore per contribuire alla difesa del Mar Mediterraneo. Siamo una comunità di diportisti e amanti del mare nata per aiutare a risolvere il problema dello smaltimento della plastica e dei rifiuti nel bacino del Mediterraneo, in particolare sensibilizzando e dando voce a buone politiche e azioni atte a migliorare la qualità dell’ambiente dei nostri laghi, fiumi, coste e mari, educando anche i cittadini a un buon uso dei materiali altrimenti inquinanti.

Le nostre attività e finalità:
• Essere un megafono per: idee, progetti, prodotti, ricerche e studi inerenti lo studio e il superamento dei materiali non reciclabili, deteriorabili o tossici.
• Promuovere attività di pulizia di mari e spiagge
• Supportare mediaticamente eventi sportivi e culturali di interesse ambientale
• Supporto di associazioni terze che si impegnino per il recupero e il supporto di fauna/flora mediterranea
• Raccogliere fondi per arrivare al compimento delle proprie finalità
• Classificare lo stato dei Marina e Porti italiani in base alla loro grado di ecosostenibilità
• Trovare metodi efficienti per lo smaltimento della vetroresina
• Progettare un’imbarcazione da diporto ecologica
• Supportare attivamente il recupero della fauna marina minacciata dall’inquinamento
• Supportare attivamente ricerche o centro di ricerchi su microplastiche e la loro presenza nel Mediterraneo/laghi/fiumi
• Monitorare le proposte politiche a livello nazionale e locale suggerendo e supportando le iniziative più meritorie

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi