Carena sempre pulita con i raggi UV. La rivoluzione è iniziata

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

uv
I LED a raggi ultravioletti sono utilizzati da tempo per la sterilizzazione:
quando andate dal barbiere, avrete sicuramente notato che ripone le forbici in piccole teche illuminate di azzurro. Oppure conoscerete di certo le tante lampade germicide a ultravioletti in commercio. Nessuno però, fino ad oggi, aveva pensato di sfruttarne il potenziale nel modo in cui lo stanno facendo due colossi come Philips (17,78 miliardi di euro di fatturato) e Akzonobel (9,61 miliardi), che investono tante delle loro risorse in ricerca e sviluppo.

L’unione fa la forza: aiutati dal know-how di Philips nella tecnologia dei LED a raggi ultravioletti, gli ingegneri di Akzonobel stanno sviluppando un sistema antivegetativo mai visto prima. Una grande pellicola ultrasottile con cui rivestire la carena delle barche che integra, al suo interno, tanti piccoli diodi collegati tra loro, in grado di emettere luce a LED ultravioletta e impedire, così, la formazione di alghe e incrostazioni di qualsiasi tipo.

Senza l’utilizzo di biocidi inquinanti, e soprattutto permettendo alle barche di navigare sempre con la carena pulita e quindi con minori consumi, a vantaggio dell’ambiente (e, perché no, del portafogli).

IL SISTEMA SPIEGATO “IN SOLDONI”

L’idea di applicazione è ottima, la sfida è senza dubbio intrigante seppur complessa: il successo del sistema, sicuramente, dipenderà dal costo di realizzazione (l’energia richiesta per l’attivazione dei LED – in teoria poca – da cosa potrà essere tratta? Magari da pannelli solari o idrogeneratori?).

Klaas Kruithof, il CTO di Akzonobel, è più che fiducioso: “In questo caso la partnership con Philips ci consentirà di accelerare la realizzazione di questa importante tecnologia, che intendiamo in un primo momento commercializzare noi stessi, per poi prendere in considerazione la concessione di licenze a terze parti per l’adozione su larga scala del sistema”.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Navigare al lasco: la soluzione del Parasailor, facile ed efficace

Nei primi due approfondimenti dedicati alla tecnica della navigazione al lasco abbiamo approfondito alcuni concetti fondamentali: la tecnica migliore di conduzione, le caratteristiche delle vele da andature portanti e i loro angoli e intensità di vento d’utilizzo.  Abbiamo volutamente lasciato

Registrati



Accedi