developed and seo specialist Franco Danese

Sapete utilizzare il timone di rispetto?

Route du Rhum: ecco chi è Paul Meilhat, il vincitore nella classe IMOCA
17 novembre 2018
INFOGRAFICA Basta figuracce in regata! I consigli del campione
18 novembre 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

macgyver-barca

timone-rispetto  L’utilizzo del timone di rispetto non è di per sé nulla di difficile, anzi, ma vi è una procedura da seguire per non avere problemi. Fortunatamente, è difficile vi dobbiate trovare a utilizzarla, ma un guasto può sempre capitare.

Di base, non si tratta di nulla di stravagante, ma è importante che seguiate alcune accortezze. Solitamente il timone di rispetto può essere a T, a L o una classica barra d’altri tempi. La forma dipende molto dalla configurazione del pozzetto: sulle barche più moderne si è infatti studiata una configurazione che consenta al timoniere di mantenere una posizione comoda.

Se invece la barca ha qualche anno, non è detto che le condizioni siano le stesse. Se siete abituati a timonare con la ruota, ricordatevi che il funzionamento del timone a barra (e anche di quello di rispetto) è ovviamente inverso: portandolo a sinistra, la prua si sposterà a dritta e viceversa.

Non accelerate troppo, se siete a vela valutate se prendere una mano, perché con il timone a barra non avete demoltiplica e lo sforzo che farete sarà maggiore di quello a cui siete abituati. Per timonare con più facilità potete “aggiungere” alla barra di risptto il tangone o il mezzo marinaio che vi consentiranno di avere più gioco sul timone e di fare meno fatica.

Un consiglio importante, testato in prima persona: assicuratevi sempre che il punto di raccordo dove andrete a inserire il timone di rispetto sia pulito, lavatelo spesso per togliere il sale, che tende a incrostarsi. Guadagnerete minuti preziosi.

 

3 Comments

  1. romano bondavalli ha detto:

    ottimi consigli …..come sempre ! ( …..sono un vostro abbonato…)

  2. Marco Pellanda ha detto:

    “aggiungere il tangone”? – non è un po’ lunghetto?
    “agiungere il mezzo marinaio”? – non è un po’ deboluccio?
    Visto che si parla di barra di rispetto (non di timone), siete sicuri di sapere dove è stivata?

  3. Salvatore ha detto:

    Cerchiamo di non confondere il timone con le sue componenti…in primo luogo la pala, la barra (o la ruota) di governo e la barra di rispetto (oggetto del vostro articolo).
    In ogni caso il carico sulla barra di rispetto dipenderà dalla percentuale di compenso della pala del timone (preferibilmente inferiore al 20%) e maggiore sarà la lunghezza della barra di rispetto, minore sarà la forza necessaria per manovrarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi