L’elica di prua? Ora non spreca energia e funziona a 12 o 24 V!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Siamo al METS e veniamo colpiti
, allo stand di Vetus, da una serie di sistemi di elica di manovra di prua molto particolari. Sono i nuovissimi Bow Pro Booster Thruster, ulteriore passo avanti della già evoluta serie Bow Pro, lanciata di recente dal colosso olandese (il cui catalogo prodotti ricorda, in altezza, “I Miserabili” di Victor Hugo).

In primis, incorpora tutte le funzioni di quest’ultima: ovvero il comando realmente “proporzionale” (l’elica aumenta la velocità di rotazione in proporzione a quanto, a destra o a sinistra, spingiate la manopola del joystick di controllo, come vi mostriamo nel video qui sotto: c’è ovviamente un pulsante per bloccare la potenza voluta). I vantaggi immediati sono un consumo elettrico proporzionato alla spinta richiesta, di fatto sparisce l’assorbimento del picco massimo con meno stress alle batterie.

Grazie a un motore innovativo di derivazione industriale, l’elica produce poco rumore e la manutenzione è ridotta al minimo, tipica di un motore elettrico a induzione a corrente alternata brushless (“senza spazzole”: cioè agli avvolgimenti rotorici non viene inviata corrente e quindi non c’è necessità di introdurre contatti elettrici striscianti). La garanzia di funzionare alla massima potenza almeno 10 minuti (un tempo molto lungo quando si tratta di manovrare).

LA NOVITA’
La novità è la presenza di un “booster”, ovvero di una terza connessione
che manda corrente a un caricatore interno al motore e che trasforma l’input di 12 V in una corrente in uscita da 24 V. Questo cosa significa in soldoni? Che un eventuale banco batterie secondario da 24V può essere ricaricato anche da una fonte a 12V, come l’alternatore del motore. Questo vi da la possibilità di scegliere tra banchi batterie a 12 o 24 V.

Il caricatore integrato ricarica il banco batterie quando il thruster non è in uso.

L’installazione di queste innovative eliche di prua per adesso prevede la creazione del tunnel nell’opera viva, ma Vetus si sta muovendo per portare la tecnologia anche su bowthruster installabili con piccoli fori in carena.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Quiz carteggio

Carteggio, i tre esercizi base per divertirti in crociera

Anche se i chartplotter e i GPS hanno preso il sopravvento, bisogna essere sempre pronti al carteggio con squadretta, compasso, bussola da rilevamento e carta nautica. Anche perché in caso di blackout a bordo, ve la dovrete cavare alla vecchia

Knut Frostad - Nuovo presidente esecutivo di Henri-Lloyd

Un top manager e velista per Henri-Lloyd. Sarà la volta buona?

Henri-Lloyd è pronta a tornare un punto di riferimento nel mondo dell’abbigliamento da vela con la nomina a Executive Chairman (presidente esecutivo) di Knut Frostad. L’ex velista, norvegese, 56 anni, già direttore del consiglio di amministrazione di Monte Rosa Sports

Tre consigli per cambiare le vele alla tua barca

Le vele sono un po’ come il motore dell’auto, e quindi cambiarle può – a volte – fare veramente una grande differenza nelle prestazioni della barca. Tanto in crociera quanto, ovviamente, in regata. Le vele moderne possono beneficiare di materiali

Torna su

Registrati



Accedi