developed and seo specialist Franco Danese

Non è un videogioco, è il display della tua barca con la realtà aumentata!

Quando la chiglia telescopica è elettrica (e italiana)
13 novembre 2018
Nuova classe olimpica, parla il Direttore di Beneteau: “Un buon progetto può essere costruito anche da più cantieri”
14 novembre 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!


“Ma dove sta andando quella nave?  Sono in rotta di collisione con quella barca oppure ci passo? A quanti nodi stanno andando i miei avversari in regata? Quanto dista quel faro? E quella meda?”. Ci siamo sempre basati sull’esperienza per rispondere a queste domande, negli ultimi anni una grossa mano l’hanno data i multifunzione cartografici.

Ma da oggi si passa a uno step successivo: si chiama ClearCruise, l’ha inventato Raymarine ed è il primo sistema in assoluto di realtà aumentata applicato alla navigazione da diporto. Siamo andati a scoprire come funziona al METS (la più importante fiera di accessori nautici al mondo, ad Amsterdam).

CLEARCRUISE, LA REALTA’ AUMENTATA ALLA TUA PORTATA

In realtà, è semplice: una telecamera in full HD orientabile a prua, che passa tutte le informazioni a un modulo stabilizzatore (AR200) e sincronizza tutte le informazioni di cui necessitiamo con un’interfaccia molto semplice e le invia al display multifunzione (della nuova serie Axiom).

E’ questo il mondo che schiude Raymarine con Clear Cruise, un gran numero di dati che aiutano chi naviga a prendere decisioni nei momenti più concitati, come ad esempio un rientro in porto con traffico. La gestione di queste circostanze, un uomo a mare, ma anche una lunga crociera sono momenti in cui avere informazioni di questo tipo può rivelarsi cruciale, ad esempio quando non conosciamo bene la zona in cui stiamo navigando.

E chissà cos’altro bolle nel pentolone Raymarine!

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA, ACCESSORI & PRATICA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi