developed and seo specialist Franco Danese

Tronchetti si consola con il nuovo Wally dopo la separazione da Afef

Il direttore scientifico di LifeGate: “Il problema non è la plastica. Siamo noi”
9 novembre 2018
Giallo classi olimpiche, che intrigo la barca offshore: coinvolti Jeanneau, Dehler, Beneteau. Ecco perché
9 novembre 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Tra l’amministratore delegato di Pirelli Marco Tronchetti Provera e la showgirl Afef Jnifen è finita: i rispettivi legali hanno depositato l’istanza di separazione al Tribunale di Milano.

Ma Tronchetti può “consolarsi” con il suo nuovo amore. Il suo bellissimo Wally di 145 piedi (44 metri di barca!), che potete ammirare in rendering qua sopra: mentre, a giudicare dalla foto a destra, per Afef non resta che fare “downsizing”.

Fine della bella vita a bordo di superbarche. Eccola alle prese con un Laser (sia chiaro, anch’essa una superbarca!) nei pressi della baia di Paraggi a Portofino: a proposito, dovrebbe quantomeno “cinghiare” un po’ di più!

Scherzi (da giornale di gossip, “fatece divertì” per una volta) a parte, il nuovo bolide del marchio di Luca Bassani sarà consegnato nel maggio del 2019, realizzato negli stabilimenti di Massa Carrara di Persico Marine, eccellenza mondiale in fatto di barche hi-tech (Volvo Ocean Race, Coppa America). Due anni precisi per dare alla luce un 44 metri che, su disegno di German Frers, soddisferà la voglia di Tronchetti, già armatore del Wally 107 Kauris III.

BEATO TRONCHETTI!
Ma veniamo alla barca: “Il nuovo Wally 145 è la barca perfetta per navigare attorno al mondo”, ha detto Bassani, “compendia il nostro credo di performance senza compromessi combinata con un appeal senza tempo”. Senza che venga mai meno il piacere di navigare, “in qualsiasi condizione di vento, nel totale comfort”. “Inizialmente”, ha raccontato Frers, “la barca doveva essere ancora più lunga ma contrariamente a quanto accade di solito, le dimensioni si sono ridotte durante la fase di progettazione, a vantaggio delle prestazioni e della marinità. Sono state condotte ampie ricerche per contenere i pesi e ottenere nel contempo un ambiente piacevole e ampio, tre diverse aree coperte e un sistema molto sofisticato per la movimentazione delle vele. Il rapporto superficie velica/dislocamento è più alto rispetto a quello dei maxi-yacht di simile categoria”.

VELOCE CON ARIETTE, STABILE CON VENTONE
Le previsioni VPP parlano di una barca veloce anche con sei nodi d’aria. “Ma stabile e potente anche in condizioni di vento forte”, aggiunge Bassani, “grazie alla forma dello scafo e alla chiglia sollevabile in grado di portare il bulbo fino a 7 metri”. Il dislocamento totale è di “sole” 171 tonnellate: a spanne, circa 100 tonnellate di meno rispetto agli yacht di taglia simile, di certo più anziani (e quindi frutto di una tecnologia meno avanzata rispetto a quella utilizzata, ovvero la fibra di carbonio).

PROPULSIONE IBRIDA
La grande particolarità di questa superbarca è la propulsione ibrida, basata su due motori MAN da 650 cavalli, due propulsori elettrici da 60 kW e due banchi batterie al litio da 10 kW, sufficienti tra l’altro per alimentare per un’intera notte gli impianti della megabarca (tra cui l’aria condizionata) in “silent mode”. A motore, la barca raggiunge una velocità di crociera di ben 15 nodi.

COPERTA E INTERNI
In coperta, il layout segue il tratto distintivo Wally, con il deck saloon e il pozzetto sullo stesso piano. L’assoluta novità è il pozzetto poppiero ribassato e riservato agli armatori (per godersi il contatto con il mare in totale privacy), una caratteristica da vero e proprio megayacht. Gli interni, concepiti da da Wally con Droulers Architects e lo studio di Mario Sculli, prevedono una grande area armatoriale con due letti “queen size”, due bagni (per lui e lei), uno studio e due cabine armadi. L’area riservata agli ospiti accoglie fino a 6 persone, in tre cabine (due con letti matrimoniali e una a castello). L’area riservata all’equipaggio è a prua, con quattro cabine doppie.

I NUMERI DEL WALLY 145
Lunghezza f.t. 44,20 m
Baglio max. 9,50 m
Pescaggio 4,5 m chiglia su – 7,2 m chiglia giù
Dislocamento 171 t
Sup. velica a vele bianche 1.038 m2
Sup. velica alle portanti 1.968 m2
Posti letto 8 ospiti + 8 equipaggio
Exterior design German Frers/ Wally/Luca Bassani
Interior design Wally/Droulers Architecture/Studio Sculli
Interior styling Droulers Architecture
Architettura navale German Frers Naval Architecture
Ingegneria strutturale Pure Design & Engineering
Costruttore Persico Marine
Classificazione RINA Malta Cross
Costruzione Vacuum consolidated/autoclaved Pre-preg composite
Finiture coperta Teak
Albero e boma Southern Spars
Rigging EC6 / Carbo-Link
Vele North Sails
Sistemi idraulici Cariboni
Propulsione 2 x MAN D2676LE425 478 kW @ 2.100 rpm, 2 x motori elettrici 60 kW, 2x pod a scomparsa Shipmotion RPS 60C
Velocità di crociera a motore 15 nodi
Aria condizionata 248.000 BTU/h
Dissalatori 1.200 l/h
Serbatoi acqua dolce 3.000 litri
Serbatoi carburante 15.000 litri
Sistema di navigazione Furuno & B&G

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fai il bordo giusto, iscriviti!

La newsletter più completa per il mondo della vela