Hylas 48: anche a Taiwan sanno costruire i blue water!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Il suo debutto ai saloni nautici americani di Newport e Annapolis è stato un successo: l’Hylas 48 è la dimostrazione di come sia possibile realizzare un blue water marino e sicuro, per girare il mondo, senza rinunciare all’eleganza.
La barca è realizzata a Taiwan e sfata decisamente il mito delle “cinesate”. Il progetto di questo semi-custom è di Bill Dixon che ha lavorato sodo per garantire ai futuri armatori sicurezza (grazie anche al pozzetto centrale in cui vengono rinviate tutte le manovre), comfort negli interni – curati nei minimi dettagli – e semplicità di conduzione.


Dixon ha creato uno scafo con un volume abbondante, grazie a un baglio di 4,42 metri ben spostato a poppa. Realizzato con fibra di vetro stesa a mano ricoperta di gelcoat isoftalico, l’H48 ha una robusta chiglia a pinna di piombo e un timone a “semi-skeg”. Inoltre, Hylas ha incorporato un saildrive, che migliora il posizionamento del motore all’interno dello scafo, riduce la quantità di spazio necessario e aiuta anche a ridurre ulteriormente le vibrazioni sotto tensione.

La disposizione degli interni è disponibile in due differenti configurazioni (due e tre cabine), ma è possibile lavorare con il cantiere per un’ulteriore customizzazione degli spazi. L’Hylas 48 utilizza ampie finestrature per creare un salone semi-rialzato aperto e arioso. Sempre nell’ottica della più ampia personalizzazione, le finiture interne possono essere scelte dall’armatore, per avere un un look elegante o tradizionale.

Di questo Hylas 48 ve ne parleremo più nel dettaglio nei prossimi numeri del Giornale della Vela, intanto, fateci sapere cosa ne pensate!

GUARDA LE FOTO

 

 

IL VIDEO DELL’HYLAS 48 IN NAVIGAZIONE

I NUMERI DELL’HYLAS 48
LOA: 48’0”-14.63 m
Length of Waterline: 42’0”- 12.80 m
Beam: 14’6” – 4.42 m
Shoal Draft: 4’11” – 1.5 m
Standard Draft: 6’6” – 1.98 m
Displacement: 35,360 lb. – 16,039 kg
Water Tankage: 119 US gal. – 451 liters
Fuel Tankage: 290 US gal. – 1,100 liters
Engine: Yanmar, 75-hp diesel – saildrive gearbox
Designer: Bill Dixon
CE Certification: Category A – Ocean

CONTATTI PER L’EUROPA
www.grabauinternational.com
michele@grabauinternational.com

Il sito del cantiere: www.hylasyachts.com

IL CANTIERE
Gli Hylas Yachts sono costruiti da Queen Long Marine, Taiwan, il brand è stato fondato nel 1985. Il cantiere Queen Long è stato costruito ancora prima, nel 1978, dalla famiglia Huang. Con oltre 520 imbarcazioni lanciate finora, che vanno dai 44 ai 70 piedi, Hylas offre yacht di lusso affidabili e a conduzione semplice. Il team di progettazione presenta nomi di livello mondiale del design internazionale come Sparkman & Stephens, Germán Frers, Bill Dixon, Dean Salthouse e Doug Zurn.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE E CANTIERI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

I migliori catamarani del 2024 per gli americani sono questi

Lo scorso 3 aprile durante l’International Multihull Boat Show allestito a La Grande Motte, in Francia, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso “Multihull of the Year” organizzato in collaborazione con la rivista statunitense Multihulls World. Negli ultimi

Registrati



Accedi