Scompare in mare senza lasciare traccia a Capri. Cosa è accaduto al velista israeliano Doron Nahshony?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

doron nahshony
Si chiama Doron Nahshony, il velista israeliano di 62 anni scomparso la sera del 10 ottobre nelle acque di Capri dopo essersi allontanato alle 19.45 dalla Marina Piccola
, per un’uscita in mare su un piccolo gommone. Un tender grigio con motore fuoribordo da quattro cavalli. Le ricerche proseguono da cinque giorni ma Nahshony sembra essere svanito nel nulla.

Ingegnere e appassionato velista, stava godendosi una crociera con una flottiglia composta da quattro barche a vela (noleggiata da Sail Italia) nel Golfo di Napoli, con partenza da Procida. Anche del gommone non c’è traccia: la Capitaneria di Porto sta perlustrando senza esito grotte, calette, insenature e anfratti. Anche con gli elicotteri, niente di niente.

Una foto di Nahshony in barca (fonte facebook)

LE IPOTESI
Cosa può essere successo? Per adesso le ipotesi sembrano essere due. La prima, più accreditata, è quella di una collisione con uno yacht di grandi dimensioni o un motoscafo lanciato a tutta velocità. E’ plausibile, visto il traffico nelle acque delle isole Flegree, intenso anche in ottobre per il clima mite (quella sera c’era caldo e il mare era piatto, la visibilità però non era perfetta). In questo caso si potrebbe spiegare la sparizione dello skipper e del tender, travolti e affondati.

L’avviso di ricerca di Doron Nahshony

Più debole pare l’ipotesi del rapimento (Doron Nahshony è I&C Engineer del Galil Engineering Group, grossa società multidisciplinare di Ramat). Da escludere, probabilmente, la possibilità di un malore perché visto il traffico nelle acque e le ricerche capillari il tender sarebbe dovuto venire fuori.

C’è anche chi sostiene che Nahshony abbia voluto far perdere le sue tracce, visto che non aveva con sé lo smartphone e che secondo alcuni colleghi pare avesse “qualche problema di salute”. In effetti, uscire da soli in tender la sera senza reali motivazioni è strano. Ma anche in questo caso, con un quattro cavalli e un tender non puoi allontanarti più di tanto. Cosa è successo a Doron Nahshony?

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE & AVVENTURE

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi