Jean-Jacques Savin, ovvero come attraversare l’Oceano a 72 anni… in un barile di legno

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

savin
Con che cosa, al giorno d’oggi, non si è ancora attraversato l’Oceano?
C’è chi lo ha fatto con microbarche, come lo svedese Sven Yrvind, chi con auto piene di polistirolo, come i fratelli Amoretti, chi senza equipaggio, con una barchetta della Lego. Ma provarci chiusi all’interno di un barile di legno di dieci metri cubi, sperando soltanto nelle correnti e nella spinta degli alisei, è da fuoriclasse (o da fuori di testa?).

fonte immagine: bateaux.com

Controllate pure la data, non è il primo di aprile. E’ tutto vero. Il Diogene moderno si chiama Jean-Jacques Savin, ha 72 anni ed è francese. Si tratta di un cosiddetto “pensionato dinamico”: è un ex atleta di Triathlon di livello, ha servito da paracadutista nei militari ed è stato pilota d’aereo. Il congedo non lo ha bloccato dato che per festeggiare i suoi 70 anni ha scalato il Monte Bianco, e adesso tenta l’impresa della vita (partirò dalle Canarie a gennaio del 2019, destinazione… da qualche parte nei Caraibi).

L’Atlantico in un barile alto un massimo di 2,10 metri e largo 1,70, che può portare 300 kg di peso (Savin compreso): per quanto riguarda l’opera viva, il barile avrà due pinne stabilizzatrici e anche una deriva in modo tale da non farlo rotolare sulla superficie marina. Nella parte superiore, un boccaporto a cupola simile a quello dei sottomarini, mentre il barile è dotato di numerosi oblò che consentiranno a Savin di guardarsi attorno.

fonte immagine: bateaux.com

Nel suo barile, Jean-Jacques Savin porterà oltre alle provviste due anfore da dieci litri di vino, per vedere come l’alcol invecchia in mare, e un laboratorio di psicologia seguirà anche il suo comportamento.

L’arzillo vecchietto ha detto di volersi ispirare ad Alain Bombard, il biologo francese che nel 1952 si lanciò nella traversata atlantica con un gommone Zodiac a vela di 4 metri e mezzo, l’Hérétique, senza provviste. Voleva dimostrare che i naufraghi muoiono per cause psicologiche e non per mancanza di cibo e acqua. Ci riuscì, sbarcando alle Barbados (da Tangeri), dopo 65 giorni alla deriva, durante i quali si cibò di plancton e bevve acqua di mare, calcolata per non rischiare di morire. E speriamo ci riesca anche Savin, senza farsi male: ma soprattutto, senza scomodare i soccorsi…

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE E AVVENTURE


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Jean-Jacques Savin, ovvero come attraversare l’Oceano a 72 anni… in un barile di legno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su