Dopo 15 anni Carol ha realizzato il suo sogno: costruirsi una barca nuova… d’epoca

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Costruirsi una barca in proprio prendendo un progetto degli anni trenta, passare 15 anni a studiare i disegni e realizzare la barca in tutte le sue parti, vararla
. È il momento più bello, è il momento della “nascita”, il contatto con l’acqua dove poi trascorrerà il resto della sua vita.

In quest’avventura si è buttato Carol Petek, nato a Stoccarda, ma residente ad Asciano (Pi) dove vive con la moglie e due figli, lavora nel settore del refitting nautico con la sua azienda Maintenence Safety Advice (Mta). Un professionista del legno, appassionato di vela e di imbarcazioni d’epoca fin da ragazzo che così ha realizzato il suo sogno dopo aver navigato in Atlantico e nel Mediterraneo.

Realizzata interamente in fasciame di mogano disposto in un modo molto moderno, ha un dislocamento di 5 tonnellate e una lunghezza di 7,70 metri (25,25 piedi). È una Vertue, piccolo grande yacht nato nel 1936 dalla penna di Laurent ‘Jack’ Giles (1901-1969) maestro della progettazione navale e grande innovatore e che è stata costruita in oltre 200 esemplari.

Costruita vicino Pisa, a Colignola, è stata messa a punto negli ultimi dettagli nel Cantiere La Fornacina di Mauro Renzetti: “la realizzazione del bulbo, l’alberatura e tanti altri dettagli per i quali l’esperienza di Renzetti è stata molto utile”, ha detto Petek.

La barca di Petek, battezzata col nome di Sira, porta il n. 214 sulle vele accanto ad una grande V a significare il 214mo esemplare costruito. Giles si ispirò alle pilotine del Canale della Manica con il loro ridotto pescaggio e una chiglia larga con due tonnellate di piombo che la rendevano molto stabile. Il cantiere La Fornacina ha visto il varo e le prime prove in acqua in questi giorni e presto sarà possibile ammirarla navigare davanti a Marina di Pisa o a Viareggio alla XIV edizione del Raduno Vele Storiche dal 21 al 28 ottobre.

Andrea Bartelloni

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE & CANTIERI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi