PROVATE X4⁶ e X4⁹: ecco le novità dell’autunno di X-Yachts

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Le due ultime novità che hanno toccato l’acqua in casa X Yachts sono l’X4⁶ e l’X4⁹ che vanno ad inserirsi nella gamma X Range, i performance cruiser del cantiere danese tra l’X6⁵ e l’X4³. Sia il4⁶ che il4⁹ hanno preso parte ai Saloni di Cannes e di Genova e nel capoluogo ligure siamo saliti a bordo per provare questi cruiser veloci.

 

Già osservando le linee esterne emerge subito l’essenza della filosofia X Yachts. La tuga è pulita, senza drizze o cime a vista, particolare che trasmette una sensazione di ordine e di spazio. I dettagli sono curati a partire dalle finiture fino alle piccole strisce metalliche posizionate nei punti dove le scotte in tensione entrano in contatto con la coperta, che col tempo si rovinerebbe. Sottocoperta, in entrambi i casi i volumi sono ampi e anche una persona alta riesce a stare in piedi senza problemi, così come sdraiarsi nelle cuccette senza avere i piedi fuori dal letto. A curare il design ci ha pensato, come sempre, il team di X-Yachts.

 

X4⁶

Tutto a bordo è studiato per rendere la barca semplice da utilizzare ad ogni tipo di velista. Il fiocco è autovirante ed il layout crocieristico consente al timoniere di avere tutto a portata di mano. Sottocoperta è stata curata con molta attenzione la finestrature, che rende gli interni molto luminosi ed areati. Un’altra soluzione interessante la finestra posta alla fine della tuga a prua che aumenta ulteriormente le vie di ingresso della luce. Vista dalla coperta la tuga non scende a scalino, ma è più smussata, per un piacevole effetto visivo.

Durante la prova Genova era ancora avvolta da una bolla di alta pressione, ma dopo una partenza difficile il vento è salito prima partiti a 6 nodi per arrivare in raffica a 12. Non appena lasciato il porto ci prepariamo ad issare la randa: la manovra è molto fluida e la vela sale senza fatica, fattore importante per chi naviga con la famiglia e può trovarsi a fare le manovre da solo. Finita l’issata srlolliamo il fiocco e ci mettiamo subito a bolinare tra le ariette da scirocco. Le condizioni sono tranquille, ma la navigazione è molto confortevole, la barca è molto morbida e ben equilibrata sul timone. Dal timone teniamo sotto controllo tutta la barca ed il fiocco autovirante è un’ulteriore comodità. Appena le vele iniziano a portare l’X46 parte subito dimostrando buona reattività: comoda e veloce.

X4⁹

Come a bordo della sua sorella più piccola, anche sull’X49 la semplicità di utilizzo e la comodità è alla base del progetto. Quando siamo saliti il vento era intorno ai 10 nodi e quello che ci ha colpito immediatamente è stata l’ottima reattività. Il fiocco, più grande e non auto-virante, ha probabilmente rappresentato quel quid in più per “avere la meglio” sul 46 che intanto navigava vicino a noi.

 

Scheda tecnica X4⁶:

  • Designer: X-Yachts Design Team
  • Lunghezza fuoritutto: 14.08 m
  • Lunghezza scafo13.50 m
  • Baglio:4.27 m
  • Pescaggio standard:2.30 m
  • Pescaggio profondo:2.50 m8
  • Dislocamento leggero: 10900 kg
  • Serbatoio gasolio – standard 280 lt
  • Serbatoio acqua- standard 360 lt

Scheda tecnicaX4⁹:

  • Designer: X-Yachts Design Team
  • Lunghezza fuoritutto: 15.08 m4
  • Lunghezza scafo:14.50 m
  • Baglio: 4.49 m
  • Pescaggio standard: 2.40 m
  • Pescaggio profondo: 2.71 m
  • Serbatoio gasolio standard: 300 lt
  • Serbatoio acqua standard: 325 lt

Tutti i dettagli delle prove nel prossimo numero del Giornale della Vela, prossimamente in edicola!

www.x-yachts.com


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su