FOTO Uomo a mare? Lo salva… il drone intelligente!

drone
Quattro rotori anfibi da 620kv e un corpo galleggiante in ABS da 3 millimetri con un cuore di acciaio inossidabile che consente di atterrare in mezzo alle onde, galleggiare a lungo e ripartire facendosi beffe della salsedine.


Appositamente progettato per affiancare i bagnini (ma che offre interessanti sviluppi anche nell’ambito della sicurezza dei diportisti: i più “smanettoni” potranno tenerlo a bordo ma potrebbe essere utilizzato per intervenire da terra in situazioni di difficoltà vicino alle coste), Splash Drone
è nato dal crowdfunding KickStarter e può operare in tutte le condizioni meteorologiche sganciando un galleggiante del peso di un kg in attesa che i soccorsi arrivino per effettuare il recupero in sicurezza.

Le foto che vi mostriamo in sequenza in apertura sono state scattate al Salone Nautico di Genova nell’ambito dell’iniziativa “sicuro inMare”. Cosa ne pensate?

SCOPRI TUTTE LE NEWS IN DIRETTA DAL SALONE DI GENOVA


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “FOTO Uomo a mare? Lo salva… il drone intelligente!”

  1. Sarebbe grande se accoppiato ad un radiolocalizzatore che si attiva al momento della caduta in mare. Il drone potrebbe dirigersi, anche di notte, verso la persona in difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su