developed and seo specialist Franco Danese

Paura per Abhilash Tomy al Golden Globe: dopo un drammatico SOS, ha interrotto le comunicazioni. Ma ora si è fatto sentire

Novità da Genova: a bordo del Bali 4.1, il catamarano per tutti. VIDEO
21 settembre 2018
motore
VIDEO Il motore del futuro? Eccolo: elettrico, ultracompatto, ultrapotente
22 settembre 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Paura per il 39enne indiano Abhilash Tomy, uno dei partecipanti alla Golden Globe Race (il giro del mondo in solitario senza scalo e senza strumenti elettronici, a bordo di barche a chiglia lunga pre-1988, con partenza e arrivo in Francia).

La posizione della barca di Tomy

Si temeva il peggio, visto che il suo ultimo messaggio dall’Oceano Indiano del sud (1.900 miglia a sudovest di Perth, Australia), lanciato da bordo della sua Thuriya (una replica dello Suhaili con cui sir Robin Knox-Johnston vinse alla Golden Globe 1968), alle 12.09 di ieri, era stato drammatico: “Scuffiato a 360. Disalberato. Seriamente ferito alla schiena. Non riesco ad alzarmi”. Poi, un lungo silenzio. Nella notte per fortuna, sono ripresi i contatti: infortunato, è al sicuro nella cuccetta della sua barca, ma non riesce a muoversi. E’ riuscito ad attivare l’Epirb questa mattina alle 5.30, la cui batteria può dirare giorni.

Inoltre anche la sua barca manda segnali via Yellow Brick ma la scuffia potrebbe aver danneggiato il sistema satellitare e il collegamento potrebbe saltare da un momento all’altro. Il suo telefono satellitare primario è danneggiato, a bordo c’è un altro satellitare di emergenza e un Yellow Brick con cui mandare messaggi di testo nella sua grab bag, ma le ferite non gli permettono di raggiungerla.

L’organizzazione sta lavorando con i centri di coordinamento di salvataggio australiano (Canberra) e francese (Isole Reunion), che hanno allertato tutte le navi nelle vicinanze. Tomy è un ufficiale della marina indiana: anche quest’ultima è pronta a intervenire in suo aiuto. Incrociamo le dita!

fonte immagine: AFP

Anche l’irlandese Gregor McGuckin, posizionato circa 100 miglia a SW rispetto a Tomy, un paio d’ore prima aveva allertato il comitato dicendo che aveva compiuto la seconda scuffia a 360 della giornata perdendo l’albero di maestra, quando nella prima capriola aveva già perso la mezzana. Ma lui è fisicamente ok.

Intanto, c’è già chi si scaglia contro la regata: “Troppo pericolosa e anacronistica”.

QUI IL TRACKING DELLA REGATA

Le posizioni ieri alle 12 UTC

1 Comment

  1. You should approach the whole thing like a video game and figure out why
    visitors aren’t buying your product. Staying active is one to rise above the crowd on Metacafe.
    Many synthetic to possess a large page.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi