In diretta da Cannes le novità di Beneteau (che “si butta” sui cat sportivi. E rilancia la gamma First!)

Un nuovo brand di catamarani performanti (XCS, che sta per Excess); la rinascita della gamma First a partire da sportboat di 14 piedi (14, 18, 24 e 27 piedi – oltre al “vecchio” 25 – a seguito dell’acquisizione di Seascape che si chiuderà con un futuristico 53 piedi che sarà firmato da Roberto Biscontini (linee d’acqua) e Lorenzo Argento (interni e coperta); una piattaforma per compravendita di barche, charter e servizi (Band of Boats) per far sì che si possa vivere solo il lato bello della barca. Il pentolone Beneteau “bolle” più che mai.

LA PERFORMANCE E’ IMPORTANTE
Siamo a Cannes ed è a Cannes che vedremo in acqua, l’anno prossimo, i primi esemplari dei catamarani XCS: “Abbiamo individuato un vuoto di mercato: quello dei catamarani che fossero in grado di offrire volume, comfort e performance”, ha detto il general manager Beneteau Gianguido Girotti.

Una scelta che strizza l’occhio a una nuova clientela, più giovane e alla ricerca di prestazioni e divertimento.

“Be Immoderate”, siate “immoderati”, è il motto della gamma. Per adesso, però, Beneteau è molto moderata nel rilascio di dettagli: poco, pochissimo è trapelato della nuova gamma, se non il logo e un piccolo dettaglio di rendering…

FIRST C’E’
“L’anno scorso”, ha proseguito Girotti, “ci hanno rivolto due domande: le intenzioni di Beneteau riguardo alle barche piccole e che cosa ne sarebbe stato della gamma First. Oggi possiamo rispondere ad entrambe le domande: il range First si amplia verso il basso e verso l’alto. Sempre con la filosofia che ha contraddistinto il marchio: accessibilità e avanguardia”. Grazie all’acquisizione di Seascape, Beneteau entra nel mercato delle piccole sportboat (da 14 fino a 27 piedi), siglando una partnership anche con North Sails per ottimizzare le performance.

Per quanto riguarda il lato performance cruiser, è in rampa di lancio anche un 53 piedi dalle linee aggressive le cui linee saranno disegnate dal progettista di Coppa America Roberto Biscontini, mentre coperta e interni saranno firmati da Lorenzo Argento, che ha avuto modo di farsi apprezzare con Brenta e con i superyacht a vela di Michael Schmidt Yachtbau. Siamo curiosissimi.

A CANNES L’OCEANIS 46.1
Ulteriore novità che a Cannes potrete vedere in acqua, è l’Oceanis 46.1, che raccoglie (bene) il difficile compito di sostituire il glorioso Oceanis 45 e propone volumi simili al 48’.

La firma è sempre degli “archistar” Finot-Conq e il design è in scia a quello dell’apprezzato 51.1 ovvero un scafo con un redan, uno spigolo, piuttosto alto sull’acqua, la prua leggermente inversa e gli interni ideati da Nauta.

SCOPRI TUTTE LE NEWS IN DIRETTA DA CANNES


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su