VIDEO Bora Fast prepara la sua Rolex Middle Sea Race: e noi vi racconteremo il “dietro alle quinte”


Bora Fast, il Sun Fast 3600 di Piercarlo Antonelli
, ci ha appassionato lo scorso anno alla Rolex Middle Sea Race della burrasca; una edizione molto dura che ha visto poche barche tagliare la linea d’arrivo. Bora Fast ha condotto una regata importante sempre nelle posizioni di testa. La classifica finale l’ha vista 4° assoluta e 3° di classe in ORC e 9° assoluta e 3° di classe in IRC; ha, tra l’altro, avuto l’onore di essere stata la prima barca italiana classificata.

Un’avventura così non si può dimenticare e Piercarlo con la sua Bora Fast torna alla Middle Sea Race (partenza il 20 ottobre) sperando di entusiasmarsi ed entusiasmare anche quest’anno perché questa è una regata che entra nel sangue: dura, tecnica, marinaresca in scenari bellissimi. E torna con rinnovate ambizioni e un equipaggio di alto livello: non possiamo svelare i nomi, per ora, ma ci sarà qualche interessante sorpresa.

La barca è già a Malta per un po’ di cantiere, qualche cura e coccola necessaria. Carena e fairing, revisione elettronica, tagliando motore e manutenzione attrezzatura di coperta, tutto il necessario per arrivare sulla linea di partenza in ordine e senza preoccupazioni; a quel punto ci sarà solo da spingere e portare la barca al meglio, a quel punto ci saranno solo gli uomini che, speriamo, ci faranno divertire anche quest’anno. E noi iniziamo a raccontarvi “l’avvicinamento” alla regata (oltre 600 miglia con partenza da Malta, giro in senso antiorario della Sicilia e ritorno a Malta passando per Stromboli, Favignanana, Pantelleria e Lampedusa). A presto le prossime puntate!

IL SALUTO DI PIERCARLO ANTONELLI APPENA ARRIVATO A MALTA

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI REGATE & SPORT


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su