developed and seo specialist Franco Danese

Il Vocabolario Semiserio del Velista – Parte 17: da Capitaneria di Porto a Capone

Vuoi una barca per volare? Ecco i foiler per tutti. SECONDA PARTE
20 agosto 2018
La barca va a fuoco? Niente panico, ecco come gestire la situazione
20 agosto 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Prosegue l’esilarante viaggio goliardico nella terminologia marinaresca, “demolita” scherzosamente dal nostro Adriano Gatta: ecco a voi il Vocabolario Semiserio del Velista…

CAPITANERIA di PORTO
Questo è un vocabolario semiserio…..è meglio non scherzare con certi termini perché poi, in mare, prima o poi, ci trovano…….

CAPITANO
Nel Diporto è spesso confuso con il Comandante; è un termine da usare solo nella Marina Mercantile e in alcuni casi di quella Militare.
Non sopporto che mi chiamino Capitano, anche perché non ho fatto il Militare; tutt’al più, Ammiraglio o Commodoro.

CAPITAN(O) FINDUS
Personaggio nato dalla fantasia dei produttori di filetti di merluzzo esperto in nodi(in realtà, solo nel Nodo Piano) che scorrazza senza scali per i mari con una compagnia di ragazzi(vedi foto) insegnando loro il tiro alla fune e cucinando solo filetti di merluzzo impanati.
I ragazzi lo odiano ma non riescono a scendere dalla nave….Qualcuno li aiuti, grazie !!!

CAPITANO di CORVETTA
Classico figlio di papà che insediatosi nel corpo della marina ama scorrazzare sui lungomari più alla moda abbigliato in divisa di rappresentanza a bordo di un’ auto sportiva( Chevrolet Corvette)

CAPITANO di FREGATA
ATTENZIONE !!! EVITATELO !!!!……(in) Nomen (est) Omen.

CAPO di BANDA
Elemento di spicco nelle bande di ragazzotti che bazzicano lungo i moli.

CAPONARE
Se siete di Brescia e dintorni astenetevi dal dire: “la so, la so !!! “ non è quello che pensate voi…….lubrìchi e volgari individui, ma sta ad indicare l’azione di incocciare il capone alla cicala dell’ancora.
Anche se “caponare”(in senso lubrìco) in barca è cosa buona e giusta.

CAPONE
Così viene chiamato nella Sicilia Occidentale la Lampuga, pesce pelagico molto noto per la prelibatezza delle sue carni e la sua combattività quando viene pescato a spinning.

CONTINUA…

QUI IL LINK ALLA PUNTATA PRECEDENTE

QUI IL LINK A TUTTE LE PUNTATE DEL VOCABOLARIO

CHI E’ L’AUTORE DEL VOCABOLARIO SEMISERIO DEL VELISTA Adriano Gatta, bresciano DOC, classe 1956, free-rider, alpinista, ex nazionale di judo, appassionato di fotografia (sono sue le foto che corredano il racconto), collabora da tempo con il Giornale della Vela. Da anni va a zonzo per il Mediterraneo con il suo Sun Odyssey 40 Bravo Papà 3

NOTE
N.B.1 le definizioni riportate in corsivo sono serie e niente affatto spiritose, non hanno alcun significato scherzoso o goliardico e vanno, quindi, interpretate in modo corretto. Ne potrebbe andare della Vostra vita.
N.B.2 tutti i termini presenti nel vocabolario sono termini legati alla marineria; se volete conoscerne il reale significato vi consiglio: IL VOCABOLARIO DEL VELISTA di Giancarlo Basile ed. Incontri Nautici.
N.B.3 come tutti i vocabolari che si rispettino, i termini sono tutti, CATEGORICAMENTE, in ordine alfabetico.
N.B.4 i termini che nel testo, quando è opportuno, appaiono in grassetto, sono trattati nel vocabolario.
N.B.5 nel libro vengono citati alcuni termini che non compaiono ne Il Vocabolario del Velista. L’ Autore ha deciso, deliberatamente, di inserire questi termini a suo rischio e pericolo.
N.B.6 le immagini, sia di copertina che nel testo, sono tutte dell’Autore.
Qualsiasi riferimento a persone o avvenimenti è puramente casuale…….
L’Autore
Adriano Gatta
DISCLAIMER: L’interpretazione alla lettera di tutti i termini presenti in questo vocabolario, può provocare gravi danni alla Vostra imbarcazione, a quelle naviganti in acque limitrofe alla vostra, agli equipaggi ed a tutte le persone coinvolte nella lettura. L’Autore declina ogni responsabilità per danni a persone o cose causati dalla corretta interpretazione dei termini stessi presenti nel Vocabolario. Per una corretta navigazione, si prega di fare riferimento, unicamente, a testi che trattino, seriamente, la terminologia marinaresca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi